Visualizzazioni Totali

IL MIGLIOR BLOG TECNOLOGICO DEL WEB: PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATI SULLE NOVITA' DEL BLOG DA OGGI CI TROVATE ANCHE SU FACEBOOK! (LINK A SINISTRA)

giovedì 12 gennaio 2017

Quando La Bell Atlantic e L'Aeroporto Di Worcester Furono Hackerati (1997)

Nel 1998 per la prima volta viene messo sotto processo per pirateria informatica un minore accusato di aver bloccato il sistema di comunicazioni di un aeroporto di Worcester, Massachussets, per via di un'intrusione nel sistema informatico della compagnia telefonica Bell Atlantic (il tutto avvenne il 10 marzo 1997).
Ad essere colpiti furono i sistemi di nuova generazione Digital Loop Carrier NGDLC gestiti da NYNEX (poi acquistata dalla compagnia Bell Atlantic) ed accessibili dal modem tramite PC (questo serviva a facilitare le riparazioni da remoto sui computer dei clienti).
I sistemi NGDLC erano telecomandi programmabili utilizzati per integrare le comunicazioni voce e dati provenienti dalle linee telefoniche in rame (per la trasmissione su un singolo cavo in fibra ottica).
In realtà il vero bersaglio non era l'aeroporto ma proprio il sistema telefonico della Bell Atlantic (che fatalmente gestiva anche l'aeroporto di Worcester).
L'attacco interruppe le comunicazioni tra la torre di controllo e gli aerei all'aeroporto di Worcester per sei ore perchè il sistema telefonico venne disabilitato.
L'incidente mise fuori usò il servizio telefonico presso la torre di controllo, quello della sicurezza aeroportuale, dei vigili del fuoco dell'aeroporto e il servizio meteorologico.
Inoltre, il principale trasmettitore radio della torre e un altro trasmettitore che attivava le luci della pista furono resi inutilizzabili, così come lo schermo che i controllori usano per monitorare il traffico aereo.
Vennero messi fuori servizio telefonico anche 600 case nella vicina città di Rutland.
L'aeroporto in quell'anno gestì 60.000 tra partenze e atterraggi.
Malgrado ciò non si verificò alcun incidente.

"Abbiamo schivato un grave pericolo quel giorno" disse Joseph Hogan, direttore di zona per la società di controllo del traffico aereo dell'aeroporto.

Il procuratore americano Donald Stern disse: "Proprio come la disabilitazione di un interruttore di luce centralizzato in casa, la disattivazione di un sistema di trasporto ad anello taglia fuori tutte le comunicazioni con le linee telefoniche IT Services. Questi non sono scherzi. Non è come disturbare il tuo insegnante a scuola. Gli hacker devono capire che essi saranno sempre catturati e perseguiti a norma di legge"

L'Hacker tra gennaio, febbraio e marzo del 1997, entrò anche nel computer di una farmacia di Worcester spulciando nei database che contenevano tutte le prescrizioni mediche della settimana precedente (con annessi nome del cliente, indirizzo, numero di telefono e farmaco prescritto).

"Anche se non ha alterato le prescrizioni e non abbiamo trovato alcuna prova che ha diffuso tali informazioni, ciò costituiva una grave violazione della privacy" disse Stern.

Il caso fu seguito dai servizi segreti degli Stati Uniti con la collaborazione e l'assistenza della Bell Atlantic Telephone Company, del Servizio di ispezione postale degli Stati Uniti, dalla polizia di stato del Massachusetts, dall'ispettore generale della Social Security Administration, dal dipartimento di polizia di Oxford, di Leicester e di Rutland.
Durante il processo il ragazzo, del quale non furono dichiarati il nome e l'età esatta, si dichiarò colpevole e venne condannato a due anni con la condizionale, al risarcimento di 5.000 dollari a favore della compagnia telefonica, a 250 ore di servizi sociali e gli fu impedito di usare computer per 2 anni.

Nessun commento:

Posta un commento