Visualizzazioni Totali

IL MIGLIOR BLOG TECNOLOGICO DEL WEB: PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATI SULLE NOVITA' DEL BLOG DA OGGI CI TROVATE ANCHE SU FACEBOOK! (LINK A SINISTRA)

mercoledì 30 ottobre 2013

I Segnali Radio Da SETI (Analisi)

Di SETI ne avevo già parlato in questi due articoli: SETI SETI@Home.
Il progetto ad oggi non ha raggiunto lo scopo di trovare intelligenze extra terrestri(o almeno non ha trovato "certezze" o comunque evidenza significative), ha però provato alla comunità scientifica che i progetti di calcolo distribuito possono essere accolti come valido strumento di analisi, che spesso batte i più grandi supercomputer. Tuttavia, non è stato ancora dimostrato che l'ordine di grandezza in eccesso dei computer utilizzati, molti fuori casa, abbia giovato scientificamente al progetto.
http://setiathome.ssl.berkeley.edu/


LE ANALISI
Secondo le analisi effettuate dal programma Seti (Search for Extra-Terrestrial Intelligence), è improbabile la presenza di vita intelligente nella Via Lattea.
Meno di un milione sono i sistemi solari adatti ad ospitare una civiltà abbastanza avanzata da inviare segnali radio nel cosmo.
Un gruppo di ricerca di cui fa parte anche il famoso cacciatore di alieni Jill Tarter ha esaminato decine di sistemi con stelle e pianeti cercando eventuali segnali radio provenienti da civiltà aliene.
Ma non hanno mai trovato nulla.
"Non abbiamo trovato segnali di origine extraterrestre", dicono i ricercatori nello studio.
Il team ha selezionato 86 stelle utilizzando i dati del telescopio della Nasa Kepler, da tempo a caccia di pianeti abitabili, e ha anche osservato 19 stelle che casualmente erano finite nel campo di ricerca.
Kepler ha trovato 2.740 pianeti abitabili, ma gli astronomi hanno limitato la loro ricerca alle stelle che ospitano cinque o sei candidati, alcuni dei quali risiedono all'interno della zona abitabile, ossia alla distanze dalla stella dov'è possibile trovare acqua allo stato liquido.
Le stelle selezionate sono distanti da 1.000 a 1.500 anni luce dalla Terra.


SEGNALI RADIO E LA COSTELLAZIONE DEL CIGNO
I segnali radio potrebbero fornire una possibile indicazione di vita intelligente dato che gli esseri umani generano tali segnali qui sulla Terra.
Utilizzando il Robert C. Byrd Green Bank Telescope in West Virginia, il team ha sondato ogni sistema stellare per cinque minuti tra febbraio e aprile del 2011.
La ricerca di intelligenza extraterrestre era stata interrotta lo scorso anno per mancanza di fondi.
Ma, all'inizio di dicembre del 2011, un esercito di 42 radio telescopi, noti come Allen Telescope Array, pare abbia rilevato dei segnali provenienti di stella in stella nella costellazione del Cigno.
L'interesse scientifico si riaccese subito.
Quantomeno per le intercettazioni radio che si sono avute a Lassen Peak, ossia il luogo dove i radio-telescopi sono situati.
Forme di vita avanzata potrebbero essere molto rare nel cosmo, sostiene Geoffrey W. Marcy, professore di Ricerca di forme di vita extraterrestre presso l'Università della California.
"Ma sicuramente sono là fuori, da qualche parte, perché il numero di pianeti simili alla Terra all'interno della Via Lattea è decisamente molto alta", aggiunge Marcy.
Secondo lo scienziato, inoltre, basterebbe un segnale, un suono o un'incomprensibile sequela di numeri senza apparente significato, catturato da almeno una delle antenne dell'Hat Creek Radio Observatory dell'Università di Berkeley, a porre fine alla nostra solitudine nell'universo.
Cambierebbe il consueto svolgersi della storia.
Dopo anni di predominio nello spazio di sonde e di miliardi di dollari della NASA spesi nella causa della ricerca di forme di vita aliena, la conclusione è sempre e solo quella: l'unica forma di vita finora conosciuta è il DNA.
Gli scienziati hanno esaminato i pianeti in una gamma di frequenza compresa tra 1,1 e 1,9 Ghz.
Queste ultime sono le frequenze in cui idrogeno e idrossile (entrambi i componenti dell'acqua) emettono segnali rilevabili dai radiotelescopi.
Sulla base dei loro risultati, i ricercatori hanno calcolato che meno di una stella su un milione di stelle nella Via Lattea potrebbe avere attorno pianeti abitati da una civiltà abbastanza avanzata da saper inviare segnali rilevabili.
Tuttavia secondo gli scienziati del programma SETI ci potrebbero essere ancora milioni di civiltà in attesa di essere trovate dato sono miliardi i pianeti simili alla Terra nella nostra galassia.
L'augurio dei ricercatori è che in futuro, radiotelescopi più sensibili, come lo Square Kilometer Array, potrebbero essere in grado di trovare segnali anche più deboli rispetto a quelli che l'uomo è in grado di rilevare ora.

Come Funziona SETI Home

SETI@home è un software o meglio un progetto di calcolo volontario che utilizza i computer connessi ad internet per i suoi "scopi".
Esso è ospitato dalla Space Sciences Laboratory all'Università della California, Berkeley, negli Stati Uniti. SETI è l'acronimo di Search for Extra-Terrestrial Intelligence e il suo scopo è analizzare segnali radio in cerca di segni di intelligenze extraterrestri.
Il software SETI@home è stato rilasciato al pubblico il 17 maggio 1999.
In passato è stato il progetto di calcolo distribuito con il maggior numero di partecipanti ed è stato riconosciuto dal Guinness dei primati come il più grande calcolo nella storia.
http://setiathome.ssl.berkeley.edu/


OBIETTIVI DI SETI
I due obiettivi di SETI@home sono:
1) Svolgere un'utile ricerca scientifica per rilevare vita intelligente al di fuori di Terra.
2) Dimostrare la fattibilità e la praticabilità del concetto di calcolo volontario.
Il secondo di questi obiettivi è considerato raggiunto.
Il primo di questi obiettivi invece, attualmente, non è stato raggiunto: nessun evidente segnale di vita intelligente extra terrestre è stato rilevato tramite SETI@home.
Tuttavia l'analisi osservazionale è tuttora in corso.


COME FUNZIONA
SETI@home ricerca possibili prove di trasmissioni radio da intelligenze extraterrestri utilizzando i dati di osservazione del radiotelescopio di Arecibo.
I dati vengono raccolti, poi digitalizzati, immagazzinati ed inviati ai server di SETI@home.
Successivamente vengono divisi in piccoli pezzi in frequenza e tempo, ed analizzati grazie al software per cercare i segnali (cioè le variazioni di segnale che non possono essere attribuite al rumore e che contengono informazioni).
Il punto cruciale di SETI@home è di far analizzare ogni blocco di dati, tra i milioni di blocchi risultanti, dai computer dei volontari e poi avere indietro il risultato dell'analisi.
In questo modo, quello che sembra un problema molto oneroso in termini di analisi dei dati è ridotto al minimo grazie ad una grande comunità di volontari.
Infatti chiunque con un computer connesso ad internet può partecipare a SETI@home eseguendo un software gratuito che scarica ed analizza dati proveniente dal radio telescopio. I dati di osservazioni sono memorizzati su nastri da 36 Gigabyte nell'osservatorio di Arecibo a Puerto Rico, ciascuno dei quali contiene 15.5 ore di osservazioni le quali poi sono spedite a Berkeley. Arecibo non possiede una connessione a banda larga, quindi i dati devono essere prima spediti per posta a Berkeley. Una volta lì, sono divisi in entrambi i domini del tempo e della frequenza in unità di lavoro da 107 secondi di dati, o approssimativamente 0.35 MB, che si sovrappongono nel tempo. Queste unità di lavoro vengono poi inviate dai server di SETI@home tramite internet ai personal computer sparsi nel mondo per essere analizzate.
Il software di calcolo distribuito di SETI@home può essere eseguito sia come screensaver sia continuamente mentre l'utente è a lavoro, utilizzando la potenza di elaborazione che altrimenti sarebbe inutilizzata.


LE PRIME VERSIONI
La prima piattaforma software, ora denominata “SETI@home Classic” è stata utilizzata dal 17 maggio 1999 al 15 dicembre 2005.
Questo programma consentiva di eseguire solo SETI@home.
In seguito fu sostituito da Berkeley Open Infrastructure for Network Computing (BOINC), il quale permette agli utenti di contribuire anche ad altri progetti di calcolo distribuito contemporaneamente all'esecuzione di SETI@home. L'interruzione dell'uso della piattaforma SETI@home Classic ha reso inadatti alla partecipazione al progetto i computer Macintosh più vecchi che usano versioni pre-Mac OS X come sistema operativo.
Il 3 maggio 2006 sono state rilasciate nuove unità di lavoro per una nuova versione di SETI@home chiamata “SETI@home Enhanced”.
Questa nuova applicazione è stata ottimizzata per essere più veloce su alcune unità di lavoro rispetto a versioni precedenti.
Inoltre, alcune distribuzioni delle applicazioni di SETI@home sono state ottimizzate per particolari tipi di CPU.
I risultati dell'elaborazione dati sono normalmente trasmessi automaticamente quando il computer è riconnesso ad internet; può essere anche impostato che si connetta ad internet quando ne ha bisogno. Un secondo software adottato dal progetto è Astropulse, utilizzato per rilevare altre sorgenti come pulsar ad alte velocità di rotazione, esplosioni primordiali di buchi neri o fenomeni astrofisici non ancora conosciuti.
La distribuzione delle unità di lavoro che utilizzano Astropulse è iniziata a metà luglio 2008 per i computer con maggiore capacità di calcolo.


STATISTICHE
Con più di 5.2 milioni di partecipanti in tutto il mondo, SETI@home si attesta come il progetto di calcolo distribuito con attualmente più partecipanti.
Dal suo lancio il 17 maggio 1999, il progetto ha sviluppato oltre 2 milioni di anni di tempo di elaborazione.
Come detto in precedenza è riconosciuta dal Guinness World Records come il più grande calcolo nella storia. Con più di 278.832 computer attivi in 234 paesi, al 17 novembre 2009 SETI@home ha la capacità di calcolo di 769 TeraFLOPS.
Come confronto, Cray Jaguar, il quale al 26 settembre 2009 è il supercomputer più veloce al mondo, raggiunge 2331 TeraFLOPS.


Se vuoi saperne di più su SETI: Come Funziona SETI
Per i risultati dei segnali: Segnali Radio da SETI

Come Ricercare Segnali Alieni: SETI

SETI, ovvero "Search For Extra-Terrestrial Intelligence" (Ricerca di Intelligenza Extraterrestre), è un programma dedicato alla ricerca della vita intelligente extraterrestre, abbastanza evoluta da poter inviare segnali radio nel cosmo.
Il programma si occupa anche di inviare segnali della nostra presenza ad eventuali altre civiltà in grado di captarli.
Il SETI Institute è nato ufficialmente nel 1974.
La sede centrale è negli USA, a Mountain View, in California.
http://setiathome.ssl.berkeley.edu/


IL PROGETTO
SETI è un progetto estremamente complesso: la nostra galassia, la Via Lattea, è grande 100.000 anni luce e ha una massa compresa fra i cento e i duecento miliardi di masse solari.
Considerando che la dimensione media delle stelle è di 0.5 masse solari, essa potrebbe contenere anche oltre trecento miliardi di stelle: per questo, scandagliare l'intero cielo alla ricerca di un segnale distante e debole è un compito quasi impossibile.
Infatti la fisica esclude la possibilità di viaggi a velocità superiori a quelle della luce (circa 300000 km/s), e questo mette una pesante ipoteca sulla possibilità, anche futura, di viaggi al di fuori del sistema solare. La durata del viaggio imporrebbe non la partenza di un individuo ma di una comunità in grado di autosostenersi e di riprodursi: sarebbe una missione senza ritorno e senza alcuna possibilità di soccorso da parte della terra.
Assumendo che le stelle distino in media l'una dall'altra circa dieci anni luce, che un viaggio interstellare possa essere condotto muovendosi ad una velocità pari al 10% di quella della luce, che ci vogliano quattro secoli affinché una colonia interstellare possa crescere fino al punto da lanciare a sua volta due nuove missioni interstellari, risulterebbe che il numero di colonie interstellari fondate da questa civiltà avanzata dovrebbe raddoppiare ogni 500 anni.


RETE DI COMUNICAZIONE INTERSTELLARE
Timothy Ferris ha ipotizzato che se le civiltà galattiche fossero transitorie, allora dovrebbe esistere una rete di comunicazioni interstellari che consiste principalmente di sistemi automatici che raccolgono le conoscenze di civiltà estinte e le ritrasmettono attraverso la galassia. Ferris l'ha definita una "internet interstellare" con i vari sistemi automatici a fungere da server.
Ferris aggiunge che se tale rete esiste, le comunicazioni tra i server devono principalmente avvenire tramite segnali radio o laser a banda stretta ed elevata direzionalità.
Intercettare tali segnali è, come visto in precedenza, molto difficile, tuttavia la rete potrebbe mantenere alcuni nodi ad ampia trasmissione (broadcast) nella speranza di raccogliere segnali di altre civiltà. L'internet interstellare potrebbe già esistere lì fuori, in attesa che noi escogitiamo il modo di collegarci ad essa. Tuttavia, l'idea che nella nostra galassia esista una sorta di "internet interstellare" non deve farci credere in modo assoluto che le comunicazioni tra server e client avvengano utilizzando mezzi già conosciuti dalla nostra civiltà. La fisica trasmissiva rilevata nei quark e nelle particelle-Z (Barioni) potrebbe essere un'alternativa valida per la trasmissione quasi-istantanea delle informazioni tra sistemi stellari differenti, superando il limite cosmico rappresentato dalla velocità-limite della luce e degli effetti relativistici ad esso correlati. Ad oggi la nostra tecnologia non è ancora in grado di capire a fondo i principi di trasmissione legati all'entanglemet. I prossimi anni e le ricerche del CERN a Ginevra e del sincrotrone KKK in Giappone porteranno forse a qualche risultato in più.


SETI ATTIVO
Il SETI attivo è il tentativo di inviare messaggi ad extraterrestri intelligenti.
Generalmente questi messaggi vengono inviati sotto forma di segnali radio, ma vengono considerati forme di SETI attivo anche messaggi fisici come la targa applicata sulle Pioneer 10 e 11 o il Voyager Golden Record. Il SETI attivo è noto anche come METI (Messaging to Extra-Terrestrial Intelligence) e si contrappone al SETI passivo, che si limita a ricercare segnali extraterrestri senza alcun tentativo di spedirli.
I messaggi inviati verso lo spazio avevano come obiettivi stelle distanti tra i 32 e i 69 anni luce dalla Terra. Fa eccezione il Messaggio di Arecibo, inviato verso l'ammasso globulare M13, distante circa 24000 anni luce.
Alcuni, tra cui il fisico e scrittore di fantascienza David Brin, hanno criticato pesantemente il SETI attivo in quanto, non potendo conoscere a priori le intenzioni e le conoscenze tecnologiche degli eventuali extraterrestri che riceveranno il messaggio, si rischia di mettere in pericolo il nostro pianeta rivelandone la posizione.


IL SEGNALE WOW! (1977)
Il segnale Wow! è un forte segnale radio a banda stretta che venne rilevato da Ehman il 15 agosto 1977 lavorando al progetto SETI con il radiotelescopio Big Ear dell'Università dello Stato di Ohio.
Il segnale non proveniva dalla Terra o dal Sistema Solare.
Esso durò 72 secondi e non venne mai più rilevato.
Anche noi umani quando inviammo un segnale verso lo spazio nel 1974, lo facemmo una sola volta (il famoso segnale trasmesso dal radiotelescopio di Arecibo, spedito verso l'Ammasso Globulare di Ercole, che si trova a 25.000 anni luce, messaggio contenente una codifica lineare di un messaggio bidimensionale, dove si vedono segnali matematici, un radiotelescopio, un uomo stilizzato e la spirale del DNA).
Ehman, controllando i tabulati stampati dai computer del radiotelescopio, stupito dall'evidente origine interstellare del segnale, lo cerchiò sulla stampa e scrisse a fianco il commento "Wow!" da lì il nome.
Frank Drake, per spiegare come mai il segnale non sia mai più stato rilevato, suppose che esso fosse stato inviato da una civiltà tecnologicamente avanzata che intendeva comunicare con altre civiltà del cosmo.
Per farlo avrebbe potuto inviare un segnale in tutte le direzioni, ma questo avrebbe comportato spendere una gran quantità di energia per creare un segnale relativamente debole e non rilevabile a grandi distanze. Focalizzando la stessa quantità di energia in un fascio più stretto, avrebbero potuto invece illuminare il proprio obiettivo con un segnale molto più intenso e captabile da grandi distanze.
Ciò avrebbe fatto sì che gli eventuali ascoltatori ricevessero il segnale solamente per pochi minuti.


ALTRI SEGNALI NON NATURALI (2011)
Tra gennaio e febbraio 2011 SETI segnala la ricezione di 2 segnali "non naturali" e "di probabile origine extraterrestre", puntando le antenne su 50 pianeti scoperti pochi mesi prima dalla missione Missione Kepler.
SETI continuò ad osservare quella regione di cielo su altre frequenze radio non ottenendo più nulla.
Enrico Fermi osservò nel 1950 che se ci fosse una civiltà interstellare la sua presenza ci sarebbe evidente.
Data l'assenza di segnali osservabili, nonché la mancanza di ogni prova definitiva di una visita di civiltà aliene su questo pianeta, Fermi concludeva che una tale civiltà interstellare non esiste.
I risultati fin qui negativi pongono limiti sulla prossimità di certe "classi" di civiltà aliene, dove con il termine classe si fa riferimento alla cosiddetta scala di Kardašev.
In questa classificazione, una civiltà è detta di "tipo I" se è in grado di sfruttare l'energia solare che cade su un pianeta di tipo terrestre per produrre un segnale interstellare, una di "tipo II" è in grado di utilizzare l'energia di un'intera stella, una di "tipo III" è in grado di fare uso di una galassia intera.
Valori intermedi vengono assegnati tramite una scala logaritmica.
Assumendo che una civiltà aliena stia effettivamente trasmettendo un segnale che noi siamo in grado di ricevere, le ricerche finora eseguite escludono la presenza di una civiltà di "tipo I" nel raggio di 1.000 anni luce, benché possano esistere molte civiltà paragonabili alla nostra entro poche centinaia di anni luce che sono rimaste inosservate.
Un'analisi analoga dimostra che non ci sono nella nostra galassia civiltà di "tipo II" osservabili.
Nei primi anni di SETI i ricercatori supponevano che tali civiltà avanzate fossero comuni nella nostra galassia.


Se vuoi partecipare anche tu al progetto SETI, leggi questo articolo: SETI@HOME
Per i risultati dei segnali: Segnali Radio da SETI

Cosa Significa Quad Core (Processore)


Detto della tecnologia Dual Core , invece un processore Quad Core è di fatto caratterizzato dalla presenza di quattro unità di elaborazione.
Questo permette al computer e agli altri dispositivi che supportano questo sistema di compiere più operazioni in un certo periodo di tempo.
Il bisogno di avere dei processori “multipli” è sorto intorno al 2005.
Si è quindi pensato di ricorrere a una soluzione molto semplice quanto geniale: dotare un processore di più unità di elaborazione.
Il primo passo è stato il dual core.
Adesso invece si sta passando al Quad Core.
I device che implementano questo tipo di processore? Il Quad Core non è una tecnologia soltanto dei PC, fissi o portatili che siano.
Anche gli ultimi modelli di smartphone e tablet lo implementano.


LA POTENZA DEL QUAD CORE
La potenza di un processore Quad Core non è data dalla somma delle potenze delle singole unità di elaborazione.
Ovviamente avere quattro processori da 2 GHz non significa che la potenza totale del Quad Core è di 8 GHz.
Sui processori ci sono due parametri di valutazione, numero totale di calcoli al secondo e numero dei cicli del processore in un secondo (velocità di clock espressa in Ghz).
Ogni nucleo di un processore fa un certo numero di calcoli al secondo, quindi il numero totale di calcoli è la somma.
Nello stesso tempo, se tutti i nuclei sono in esecuzione alla stessa velocità, la velocità di clock rimane la stessa indipendentemente dal numero di nuclei esistono.
La ragione principale per cui un processore quad-core a 2 GHz non è mai veloce come un nucleo unico da 8 GHz ha a che fare con le diverse attività eseguite nella CPU.
Se si tratta di un compito lineare, esso sarà eseguito su un singolo core in un dato momento.
Questo limita a metà la potenza della CPU di un sistema Dual Core o a 1/4 in un sistema Quad Core.
Se però bisogna eseguire un compito fatto da istruzioni che possono essere elaborate in modo indipendente l'una dall'altra, allora possono essere eseguite contemporaneamente, da core diversi.
Quindi, se si esegue un programma a thread singolo, un processore single-core da 8 GHz è nettamente più veloce mentre se il compito può essere diviso in più parti, un processore a 4 core potrebbe competere, anche se forse non raggiungere le prestazioni di quello unico a 8 GHz.
Il vantaggio principale di un sistema a CPU multiple è la reattività perchè il compito pesante può essere eseguito da un solo core lasciando liberi gli altri per altri programmi e lavori.
La teoria per cui 4 core da 2 GHz sono uguali ad uno da 8 GHz è una sciocchezza, tranne nel caso teorico in cui si eseguano compiti perfettamente paralleli e indipendenti.
Le applicazioni moderne sono progettate per sfruttare al massimo tutti i core di un CPU ma hanno sempre bisogno di una forma di sincronizzazione.
I GHz non possono essere semplicemente sommati.
Se si vuol vedere sul proprio computer l'uso dei singoli core si può andare sul task manager, alla scheda prestazioni, ed aprire il monitoraggio risorse.
Si noterà che ogni core viene utilizzato in parallelo, con percentuali diverse.

Cosa Significa Dual Core (Processore)

Il termine Dual Core venne coniato nei primi anni del nuovo millennio.
Esso viene utilizzato per indicare appunto una CPU(processore centrale) composta da 2 core, ovvero da 2 nuclei di processori "fisici" montati contemporaneamente.
Questo tipo di architettura consente di aumentare la potenza di calcolo di una CPU senza aumentare la frequenza di lavoro, a tutto vantaggio del calore dissipato (che diminuisce) così come l'energia assorbita.
I primi computer a supportare questa caratteristica furono gli IBM PowerPC nel 2003.
Inizialmente prodotti di nicchia ma che poi ebbero larga diffusione qualche anno dopo.


APPARECCHI SEMPRE PIU' POTENTI
I processori Dual Core si diffusero con una certa continuità nel 2005.
La necessità di avere macchine che garantissero prestazioni sempre più elevate era stata soddisfatta fino a quel momento creando e commercializzando processori singoli sempre più potenti.
Si giunse però a un punto tale per cui aumentare ulteriormente le frequenze delle CPU single core, malgrado le dimensioni minime dei transistor, comportava consumi troppo elevati in relazione al modesto aumento di prestazioni (100 W di consumo) e questo ovviamente aveva serie ripercussioni anche sul gravoso problema del raffreddamento dei circuiti.
Non essendo più possibile aumentare la frequenza di clock(numero di commutazioni che un processore è in grado di fare in un dato lasso di tempo: maggiore è la frequenza di clock e maggiori sono le operazioni che può compiere un processore) e quindi per garantire prestazioni superiori si è pensato di far ricorso ai processori Dual Core, caratterizzati dalla presenza di due unità di elaborazione.
Così facendo era possibile incrementare le prestazioni dei computer senza dover aumentare la potenza del processore.
E si tratta di una soluzione che oggi viene impiegata anche in altri strumenti tecnologici, come ad esempio gli smartphone oppure i tablet.
In poche parole il Dual Core è una caratteristica che rende un computer, uno smartphone oppure un tablet molto più potente.


Quad Core(Cosa Significa)

lunedì 28 ottobre 2013

Come Creare Un Blog Con Blogspot e Wordpress

Aprire un blog è sempre stato il tuo sogno? Non sai quale spazio web usare?
Bene, in questo articolo analizzeremo le piattaforme migliori.


CREARE UN BLOG CON BLOGSPOT/BLOGGER
Il primo passo che devi fare è collegarti alla pagina principale del servizio ed eseguire il login utilizzando i dati del tuo account Google/Gmail.
Se non hai ancora un account Google, clicca sul pulsante Registrati collocato in alto a destra e creane uno compilando il modulo che ti viene proposto. È tutto assolutamente gratis.
Nella pagina che si apre, clicca sul pulsante Nuovo blog per avviare la creazione della tua pagina e digita il titolo che vuoi assegnare al blog nell’apposito campo di testo.
Prosegui digitando l’indirizzo attraverso cui vuoi rendere raggiungibile il sito (sarà qualcosa come tuo-blog.blogspot.com) e scegli quale tema grafico desideri utilizzare per le sue pagine cliccando su una delle anteprime disponibili.
Infine, clicca su Crea il blog per confermare le tue scelte.
Per pubblicare un nuovo articolo, clicca sul pulsante arancione con l’icona della penna ed utilizza l’editor di Blogger per scrivere il tuo post.
È un’operazione semplicissima, d’altronde l’interfaccia del servizio è molto simile a quella di tanti editor di testo tradizionali.
In alto ci sono il campo per inserire il titolo dell’articolo e la barra degli strumenti con i pulsanti per formattare il testo (grassetto, corsivo, colori, etc.) ed inserire elementi multimediali all’interno del post (foto, video, link, ecc.). Sul lato destro, invece, trovi una barra all’interno della quale puoi digitare tag (etichette), programmare la pubblicazione automatica dell’articolo (pianificazione) e modificare l’URL del post (permalink).
Quando hai finito di scrivere, puoi pubblicare il tuo lavoro facendo click sul pulsante Pubblica che si trova in alto a destra o salvarlo sotto forma di bozza cliccando su Salva. Per visualizzarne un’anteprima nelle pagine del blog, clicca invece sul pulsante Anteprima.
Per modificare il look del tuo blog, torna nella pagina iniziale di Blogger e clicca sul pulsante con l’icona del foglio di carta per accedere al pannello di amministrazione del sito.
A questo punto, utilizza i link collocati nella barra laterale di sinistra per gestire le pagine e i post del blog, moderare i commenti, modificare il layout (cioè la struttura delle pagine), cambiare modello (tema grafico), visualizzare le statistiche relative alle visite e inserire delle pubblicità di Google Adsense nel blog (sezione Profitti).
Anche in questo caso, non c’è bisogno di troppe spiegazioni.
Questa piattaforma permette anche di guadagnare con le proprio pagine inserendo in esso gli annunci di AdSense.


CREARE UN BLOG CON WORDPRESS
Una delle piattaforme più famose è WordPress.
Si tratta di un Content Management System gratuito ed open source che può essere installato su qualsiasi spazio Web ed arricchito con funzionalità personalizzate grazie all’utilizzo di plug-in sviluppati da terze parti.
Hai due strade per creare blog con WordPress: quella offerta dal sito WordPress.com che permette di creare dei siti gratuiti “preconfezionati” su uno spazio offerto a costo zero (con alcune limitazioni, come l’impossibilità di installare plug-in o inserire pubblicità nel blog) oppure quella “manuale” che consiste nell’acquisto di uno spazio Web e nell’installazione di WordPress in quest’ultimo.
Se non hai particolari necessità e vuoi aprire solo un blog personale, la prima soluzione è perfetta per cominciare.
D’altronde non devi far altro che collegarti al sito Internet WordPress.com, cliccare sul pulsante Cominciamo! e compilare il modulo che ti viene proposto digitando l’indirizzo che vuoi assegnare al tuo blog (l’indirizzo sarà nome del blog.wordpress.com), il nome utente e la password da usare per l’accesso e l’indirizzo e-mail.
Dopodiché partirà una rapida procedura guidata per la pubblicazione del blog online.
In caso tu abbia aspirazioni un po’ più alte, devi invece procedere all’acquisto di uno spazio Web e installare manualmente WordPress su quest’ultimo.
Collegati quindi al sito Internet WordPress.org e clicca sul pulsante Scarica WordPress 3.5.1 per scaricare WordPress sul tuo PC.
A download completato, devi estrarre il contenuto dell’archivio appena scaricato (wordpress-3.5.1-it_IT.zip) in una cartella qualsiasi e modificare il file wp-config-sample.php con il Blocco Note seguendo le indicazioni riportate nel file stesso.
Effettuato questo passaggio, devi caricare con un programma per FTP i file di WordPress sul tuo spazio Web e collegarti alla pagina [indirizzo del tuo blog]/wp-admin/install.php per completare la procedura di creazione del tuo blog.

sabato 26 ottobre 2013

Linux Day 2013: Eventi Nelle Varie Città

Linux è una famiglia di sistemi operativi, rilasciati sotto varie possibili distribuzioni, aventi la caratteristica comune di utilizzare come nucleo il kernel Linux.
Il suo sviluppo è sostenuto dalla Linux Foundation, un'associazione nata nel 2007 dalla fusione di Free Standards Group e Open Source Development Labs.
La prima release risale addirittura al 1994.
Linux è un sistema operativo libero e free, che permette di usare i pc senza essere vincolati da un contratto di licenza d’uso. Largamente diffuso tra i giovani, permette di utilizzare sempre più oggetti di uso quotidiano: lettori mp3, radio, smartphone.
Lo stesso sistema operativo Android proviene da Linux.


LINUX DAY 2013: 13ESIMO APPUNTAMENTO
Oggi è il tredicesimo appuntamento con la giornata dedicata al software libero.
In tutta Italia workshop, corsi e sessioni collaborative.
Quindi sabato 26 ottobre come come ogni anno negli ultimi tredici, c'è il Linux Day, giornata dedicata al sistema operativo open source e del software libero. Si parlerà di software, di hardware e di libertà delle informazioni. I Lug (gruppi di utenti Linux) e le associazioni hanno organizzato un evento con oltre cento appuntamenti, da Aosta ad Avola.
Tutti coordinati dalla Italian Linux Society che, oltre a promuovere l'evento, si occupa anche di definirne il tema, che quest'anno è dedicato all'innovazione.
E si potrà installare l'os free sul proprio smartphone.
Sono 107 le città e i paesi che ospiteranno il Linux Day.


GLI EVENTI NELLE VARIE CITTA'
Non mancano all'appuntamento le grandi città: a Torino gli organizzatori hanno previsto 20 sessioni suddivise in cinque percorsi (Base, Medium, Advanced, Sikurezza, Cloud) su tematiche che vanno dai primi passi con Linux agli argomenti più complessi come programmazione o gestione di sistemi. L'evento si svolgerà al Politecnico della città piemontese.
A Milano l'evento è ospitato dal SIAM (Società d'incoraggiamento d'arti e mestieri) dalle 9:30 alle 18.
A Roma ci si ritrova alla Facoltà di Ingegneria dell’Università Tor Vergata.
A Bari l’incontro è organizzato dagli studenti della Laurea Magistrale in Informatica.
L’evento si svolgerà dalle 9:00 alle 17:00 nel Palazzo delle Aule Campus Universitario Ernesto Quagliariello e verterà su: Android, Shell Scripting, Crittografia, Gaming ed Hacking Collaborativo.
Palermo presso il Teatro Gregotti Facoltà di Lettere.
Bologna, accanto a seminari e talk troverà posto anche la visione pratica di CoderDojo, un progetto che si propone di fornire gratuitamente strumenti di apprendimento a bambini e adolescenti.
Eventi da segnalare anche a Saronno, dove sarà presentata l'esperienza di un quadricottero telecomandato chiamato Gullpcopter basato su hardware e software aperto, a Piazza Armerina, dove buona parte della giornata sarà dedicata alla presentazioni di strumenti open source per aziende, a Brescia dove verrà presentato l'uso di  strumenti liberi nella ricerca sulle proteine, nell'automazione industriale e nell'avventura aerospaziale. 


ANCHE A SCUOLA
Particolare attenzione, in più di una manifestazione, è stata data alla scuola.
Infatti a Napoli, come in moltissimi altri casi, è una scuola ad aprire le porte e il Linux Day si svolgerà presso l'auditorium dell'Istituto Tecnico Industriale Augusto Righi a Fuorigrotta.
Milano saranno approntati due laboratori in cui saranno mostrate alcune tecnologie libere a disposizione di studenti e istituzioni scolastiche.
Le scuole sono anche i luoghi in cui il software libero ha più presa: a Gela, presso l'Istituto “Ettore Majorana”, verrà aperto al pubblico il laboratorio basato su sistemi operativi Linux.
A Belluno, nelle aule dell'ITIS Girolamo Segato, un seminario sarà dedicato a Linux Terminal Server Project: come realizzare un'aula informatica a controllo centralizzato.


DIMOSTRAZIONI ED APPROFONDIMENTI
Ma Linux Day non riguarda solo software e il sistema operativo Linux.
In molti eventi sono previste dimostrazioni e approfondimenti riguardanti il sempre più vasto panorama dell'hardware open source, ossia dispositivi, piccoli computer, componenti progettati e costruiti seguendo i principi del software libero.

venerdì 25 ottobre 2013

Navigare Nel Deep Web Con TOR Browser (Guida)

Il Deep Web, seppur esista da sempre, sta vivendo una seconda giovinezza.
Se ne sente parlare un pò ovunque, sia sul Web che nei vari Tg.
Spesso però molte persone hanno problemi nel navigare.
Come saprete i siti sono volatili: oggi ci sono, domani non ci sono più. 
Certi siti sono irraggiungibili momentaneamente, altri vengono chiusi definitivamente.
Il problema è: come faccio a sapere se il sito è irraggiungibile o magari non riesco a navigare perchè ho configurato TOR male?
Bene, proprio per i non esperti nasce TOR Browser.
Qui potrete scaricarlo: TOR Browser (Download)
Ma cos'è TOR Browser? Altro non è che un pacchetto nel quale TOR è già configurato.
Una volta scaricato, non dovrete far altro che schiacciare sull'exe "Start Tor Browser" ed aspettare il caricamento.
Fatto ciò vi si aprirà una pagina Firefox(Firefox è già compreso nel pacchetto che installate, è una versione portatile) e da lì, oltre ad essere anonimi, potrete navigare sul Deep Web!



mercoledì 23 ottobre 2013

Come Funziona Spreaker (Radio Streaming)

Spreaker, è un servizio nato in Italia che permette ai suoi utenti di creare online il proprio show radiofonico.
Una startup italiana di successo che cresce e parte con convinzione alla conquista del mercato d’oltreoceano.
L’idea di Spreaker è nata da un gruppo di bolognesi che ha lanciato un servizio web aperto a tutti, ricreando l’atmosfera delle radio libere di qualche decade addietro.


COME FUNZIONA
Spreaker ad oggi è una piattaforma innovativa che permette di combinare le classiche radio con l’interazione tipica dei social network odierni.
Infatti qualunque utente dopo aver effettuato la registrazione al sito www.spreaker.com può creare un programma radiofonico completo di parlato, mixando i brani musicali direttamente online attraverso una vera deejay console che riproduce in rete un fedele esempio delle console dei professionisti.
Pochi semplici passi per creare programmi radiofonici ed assemblarli in palinsesti personalizzati che possono essere ascoltati sulla piattaforma di Spreaker, sui principali social network oppure essere inseriti direttamente sulle proprie pagine personali o sui blog.
E' possibile anche rendere disponibile il file per il download.


CARATTERISTICHE
Le feature di Spreaker per iOS, che giunge alla versione 2.0, sono le seguenti:
-Trasmettere/registrare direttamente da iPhone o iPod touch il proprio show radiofonico
-Trasmettere con la massima qualità audio direttamente sui social network e in soli 3 “tap”.
-Login via Facebook.
-Accedere a più di 100.000 podcast e canali in diretta.
-Interfaccia intuitiva ed essenziale.
-Ricerca geo-localizzata: ascolti i contenuti delle persone che sono nelle tue vicinanze.
-Possibilità di collegarsi ad autoradio dotate di sistemi bluetooth.
-Ascoltare tutte le stazioni e i podcast in background sui dispositivi che supportano il multitasking.
-Mettere in pausa un episodio e riprendi l’ascolto da dove avevi interrotto.
-Facile navigazione grazie alla barra di ricerca.
-Diventare follower dei podcast che più ti piacciono.


UN PO' DI NUMERI
Ad oggi gli utenti registrati sono più di 1 milione.
Nel complesso, più di due milioni di ascoltatori mensili.
Quasi l’ottanta per cento della base utenti, per ora, è italiana.
C’è una buona risposta nei paesi latini: la Spagna, l’area latino-americana, il Brasile.

martedì 22 ottobre 2013

Ruba La Password Di Facebook...Condannato

Rubare la password di un account Facebook e accedervi è un reato paragonabile alla violazione di domicilio: a dichiararlo è Michelina Iannetta, giudice del Tribunale di Vasto, che ha emesso una sentenza con condanna ad otto mesi di reclusione e risarcimento danni per un uomo cagliaritano accusato del reato.
L'uomo di 44 anni si era intrufolato, illegalmente, nell’account Facebook di un ventenne di Vasto approfittando dei dati del ragazzo e del suo profilo per i propri scopi.
Il ragazzo, accortosi dell’attività sospetta, ha denunciato la situazione alla polizia postale presentando una querela che è stata subito accolta e inviata alla procura de L’Aquila che ne ha disposto un’indagine.
Questa è solo una delle oltre decine di segnalazioni simili che quotidianamente vengono inviate alla polizia postale e la sentenza di oggi è destinata a diventare sia un monito per chiunque tentasse un abuso del noto Social Network, ma anche una presa di posizione forte nei confronti della violazione della privacy attraverso la rete.
Dunque questa situazione crea un pericoloso precedente quindi occhio a quello che fate!

Video Gore, Splatter e Violenti Su Facebook? Da Oggi è Permesso

Da martedì 22 ottobre 2013 sarà possibile pubblicare su Facebook video di decapitazioni, esecuzioni, atti di terrorismo e violazione dei diritti umani: una decisione che annulla un precedente veto contro i video macabri annunciato dalla stessa società a maggio.
«Le persone condividono video di questo tipo su Facebook per condannarli», ha spiegato la società in un comunicato, per giustificare la decisione.
«Se fossero celebrati, o incoraggiati, il nostro approccio sarebbe molto differente».


CAMERON LA PENSA DIVERSAMENTE
Invece il premier inglese David Cameron ha definito il gesto «irresponsabile».
«Dovranno spiegare questa scelta ai genitori preoccupati», ha aggiunto Cameron, come riferisce la BBC.
Facebook conta 1,5 miliardi di membri, compresi minorenni dai 13 anni in su.
La BBC racconta inoltre che molti utenti si sono recentemente lamentati di un video in cui un uomo con una maschera uccideva una donna in Messico.
L’azienda ha comunicato che sta sviluppando degli strumenti per permettere all’utente di bloccare i contenuti che non vuole vedere.
«Bastano pochi secondi di esposizione a questo materiale», ha spiegato alla BBC Arthur Cassidy, responsabile di un’associazione per la prevenzione dei suicidi in Nord Irlanda, «per lasciare una traccia permanente.
Più realistico e vivace è il materiale, più questo diventa psicologicamente distruttivo».

lunedì 21 ottobre 2013

Chiuso isoHunt (Torrent)

isoHunt era un motore di ricerca di file torrent.
Oltre al motore di ricerca principale, nel sito era presente anche un forum.
Dieci anni e mezzo di storia della condivisione in Rete(fondato nel 2003), sette anni di battaglia con gli studios di Hollywood per difendere il proprio status di neutro motore di ricerca per file messi a disposizione da utenti terzi: isoHunt ha ceduto.
Porrà fine alle proprie attività e si accorderà per un risarcimento che per ora vale 110 milioni di dollari.


UN PO' DI NUMERI E I PROBLEMI CON LA GIUSTIZIA
Più di 44 milioni di peer e più di 13 milioni di torrent attivi, una lunga serie di confronti in tribunale e un'alta % di sconfitte, suolo italiano compreso: lo scontro tra isoHunt e l'industria del cinema, avviato nel 2006, era giunto a un punto di svolta nel mese di marzo del 2013.
Il giudice della corte d'appello che stava analizzando il caso stabilì che isoHunt non avrebbe potuto godere delle protezioni garantite dal DMCA: il responsabile del sito Gary Fung, checché ne dicesse, sarebbe sempre stato consapevole della natura illecita dei traffici di contenuti intrattenuti attraverso la piattaforma e li avrebbe addirittura agevolati e incoraggiati.
Oltre il 90 per cento dei files indicizzati da isoHunt sarebbero illeciti.
Restava da decidere solo l'entità dei danni, in un confronto in tribunale previsto per il 5 dicembre: poiché la violazione di isoHunt era stata ritenuta intenzionale, l'accusa avrebbe potuto ottenere 150mila dollari di risarcimento per ciascuno dei file indicizzati dopo essere stati condivisi illegalmente dai cittadini della Rete.


ISOHUNT SI ARRENDE
Prima di rivedersi di fronte a un giudice, MPAA e il CEO Fung sono giunti ad un accordo: hanno reso noto di voler rinunciare a combattere per vie legali, con Fung che cesserà l'attività di isoHunt e di siti collaterali quali TorrenTBox e Podtropolis e si impegnerà a rifondere MPAA con una cifra fissata a 110 milioni di dollari.
Si tratta di una cifra indubbiamente elevata: la stessa MPAA, nel recente passato, aveva sottolineato come una richiesta di risarcimento da 2 milioni di dollari sarebbe bastata per costringere isoHunt alla bancarotta. Una cifra spropositata, ma per MPAA più preziosa del denaro che non riceverà probabilmente che in minima parte da Fung: gli studios potranno farne un vessillo deterrente per altri attori che volessero intraprendere il business della condivisione illecita. Gli studios lo dicono a chiare lettere: l'accordo è un messaggio forte per coloro che "fanno affari con l'incoraggiamento, l'abilitazione e l'agevolazione della violazione del copyright", da ritenersi "essi stessi colpevoli di violazione" e per questo soggetti a denuncia.
"Ho fatto del mio meglio per dimostrare i benefici di BitTorrent e del file sharing, della ricerca e della condivisione della cultura ma per me è arrivato il momento di dedicarmi a nuove idee nell'ambito del software e a nuovi progetti" scrive il CEO di isoHunt Gary Fung.

domenica 20 ottobre 2013

Come Funziona ooVoo Videochat (Videochiamate)

ooVoo è un software di videochat, disponibile sia per Android che per iOS, che ha appena rinnovato la propria app su entrambi i sistemi, permettendoci di effettuare delle vere e proprie video-conferenze con sino a 4 amici contemporaneamente, anche se dotati di iPhone.
E' possibile chattare con 12 persone alla volta vedendo al contempo i volti di quattro di loro in video (è possibile scambiare in qualsiasi momento le persone in video tra i 12 partecipanti alla chat).
Oltre a questo sono state aggiunte anche le notifiche, la possibilità di chattare testualmente in background durante una video-chiamata, un widget e una migliore integrazione con i contatti di Android.
La qualità dello streaming sembra sia piuttosto elevata, almeno sotto rete Wi-Fi.


FUNZIONALITA'
Il nuovo ooVoo dispone di queste funzionalità:
• Visualizza i profili degli amici e collegati in uno dei quattro modi disponibili: video chiamata , chiamata vocale, messaggio istantaneo o messaggio video.
• Cerca gli amici su ooVoo, Facebook, Twitter, Gmail e il tuo elenco di contatti personale.
• Rivedi la tua cronologia delle conversazioni e i messaggi.
• Recupera i video e le foto salvati e salva i file multimediali in entrata che ti hanno inviato gli amici.
• Modifica la foto del tuo profilo, lo stato video “ooVie” e altre impostazioni


Stai cercando altre applicazioni per chiamare gratis?
Questo articolo è per te: Tutte Le Applicazioni Per Chiamare Gratis

Connettersi Ad Un Altro Computer Da Remoto (Chrome Remote Desktop)

Chrome Remote Desktop è un'applicazione per Chrome che permette di utilizzare il browser stesso per accedere da remoto ad un altro computer.
Questo piccolo software è stato sviluppato da Google stessa con il fine di aumentare le potenzialità del suo browser che oggi dunque diventa una perfetta piattaforma professionale per controllare da remoto altri computer. Molto utile sia per l’utente medio che per l’utente professionale che potrà utilizzare questa piccola applicazione del tutto gratuita per fornire assistenza tecnica da remoto.
Puoi anche utilizzare l'applicazione per consentire a un amico di accedere momentaneamente da remoto al tuo computer, soluzione ideale per i casi in cui hai bisogno di aiuto per risolvere un problema con il computer.


INSTALLAZIONE
Installare Chrome Remote Desktop è molto semplice in quanto l’applicazione si scarica ed installa direttamente dal Chrome Web Store. Come da tradizione Google, il tutto avviene rapidamente e senza richiedere particolari conoscenze del programma.
Anche l’utente meno esperto saprà dunque installarlo ed utilizzarlo al meglio: Chrome Remote Desktop


COME FUNZIONA
Chrome Remote Desktop si utilizza facilmente proprio grazie ad un’interfaccia utente ben realizzata e soprattutto usabile.
Anche i meno pratici apprezzeranno non solo l’ordine ma anche la presenza della lingua italiana. Insomma, un’applicazione completa e professionale che non lascia nulla al caso.
Chrome Remote Desktop , una volta installato, sarà presente nella pagina di Chrome in cui sono presenti anche le altre eventuali applicazioni installate. Per accedervi sarà sufficiente aprire una nuova scheda vuota e l’applicazione sarà ben evidenziata in primo piano.
L’applicazione ci offre due caratteristiche:
1) La prima funzionalità è forse la più interessante perché permette di gestire un computer da remoto proprio come se stessimo utilizzando uno dei tanti software per la connessione remota.
Tramite il browser avremo dunque accesso ad un computer e lo potremo gestire da remoto come meglio crediamo
2) La seconda funzionalità invece permette di accedere da remoto al proprio computer ma senza la possibilità di interagire se non inviando alcuni limitati comandi come il classico “Ctrl+Alt+Canc”.
Da sottolineare che i computer per potersi collegare tra loro devono essere dotati della stessa applicazione.

Come Convertire Pagine Web In PDF

PDF Download For Internet Eplorer è un'ottima estensione per Internet Explorer che permette di gestire i documenti PDF che trovi navigando in rete.
Puoi scaricarli, ovviamente visualizzarli in HTML, inviarli per posta elettronica.
In più, puoi salvare pagine web in formato PDF
Quando su Internet trovi un collegamento a un documento PDF, il tuo browser può in alcuni casi aprirlo automaticamente oppure farti scegliere se aprirlo o salvarlo.
Insomma, non c'è grande libertà di scelta quando spesso le azioni sono imposte.
Ma con PDF Download, un'estensione per Internet Explorer, la musica cambia.


FUNZIONI
Nel momento in cui clicchi su un link contenente un documento in formato PDF, PDF Download aprirà un menu chiedendoti l'azione che vuoi compiere: scaricare il file, aprirlo, visualizzarlo in HTML, lasciar compiere l'azione predefinita di default dal browser, o annullare l'operazione.
Inoltre un pulsante posizionato vicino al menu Strumenti ti permette inoltre di salvare la pagina web che stai visualizzando in formato PDF o inviarla velocemente a un indirizzo e-mail predefinito.
Infine, puoi usufruire di diverse opzioni per configurare al meglio PDF Download.
PDF Download

Tutte Le Novità Di Windows 8.1

Da qualche giorno Microsoft consente agli utenti di scaricare e installare l’atteso Windows 8.1.
Tutti coloro che possiedono una regolare licenza di Windows 8 potranno effettuare l’aggiornamento in forma totalmente gratuita mediante il Windows Store.
Chi usa ancora Windows 7 e vuole passare al nuovo sistema operativo deve prima acquistare una copia di Windows 8 (versione upgrade) e quindi procedere all’aggiornamento.
Microsoft dovrebbe inviare una notifica che avvisa gli utenti della disponibilità di Windows 8.1 sul Windows Store.
In alternativa è sufficiente aprire lo store digitale e cliccare sull’apposito link in primo piano.
Se non dovesse accadere, vuol dire che l’edizione in lingua italiana non è immediatamente pronta per il download.
Insieme a Windows 8.1, Microsoft rilascerà il GA Rollup A, con il quale aggiornerà tutte le app preinstallate e già incluse in Windows 8.1 RTM.
Se sul computer è presente Windows 8.1 Preview, l’upgrade è ancora possibile, ma sarà necessario reinstallare tutte le applicazioni desktop e tutte le app Modern, in quanto la procedura effettua una pulizia completa del sistema.
Windows 8.1 Preview include diverse novità che migliorano vari aspetti dell'attuale sistema operativo.


REQUISITI DI SISTEMA
Per quanto riguarda i requisiti minimi non ci sono variazioni rispetto a Windows 8.
Windows 8.1 richiede almeno un processore da 1 GHz, 1 GB (32 bit) o 2 GB (64 bit), 16 GB (32 bit) o 20 GB (64 bit) e scheda video DirectX 9.


PREZZO
Come anticipato, l’upgrade è gratuito per gli utenti Windows 8 e verrà distribuito unicamente in versione digitale.
Per tutti gli altri sarà possibile acquistare Windows 8.1 su Windows.com o nei negozi fisici.
Il prezzo di Windows 8.1 è 119,99 euro, mentre il prezzo di Windows 8.1 Pro è 279,99 euro. Entrambe sono edizioni full, quindi non occorre il DVD di Windows 8 per effettuare l’aggiornamento.





Come Funziona La Connessione Li-Fi

Li-Fi (Light Fidelity) è un termine introdotto per la prima volta da Harald Haas in occasione di un discorso al TED Global nel 2011 riferendosi al corrispondente ottico del Wi-Fi.
Li-Fi è una tecnologia sviluppata dalla Oledcomm, una società parigina che ha realizzato un sistema che può essere adoperato in alternativa alla normale rete Wi-Fi utilizzando la luce come vettore per trasportare le informazioni.
La particolarità del Li-Fi sta nel fatto che le frequenze occupate per le comunicazioni apparterrebbero allo spettro della luce visibile.
Si risolverebbero anche problemi conseguenti alle infrastrutture radio come la scarsa efficienza energetica delle stazioni base il cui raffreddamento comporta grandi costi in termini di consumo energetico. L’utilizzo di una comunicazione
Li-Fi implica anche una sicurezza maggiore dal momento che il segnale luminoso può essere facilmente indirizzato con precisione e non è in grado di superare ostacoli come pareti o pavimenti.


COME FUNZIONA LA CONNESSONE LI-FI
Li-Fi funziona tramite un led che invia dati binari (0 ed 1) ad alta frequenza, quando è acceso indica come valore 1, quando il led è spento indica come valore 0.
Il ricevitore si occuperà. invece di leggere, tradurre e trasformare il segnale in musica o video.


I VANTAGGI
La possibilità di usare la luce in sostituzione delle onde magnetiche permette di liberare le frequenze radio e di usare la connessione Wi-Fi anche in luoghi dove normalmente è vietato, come in aereo o in ospedale.
I vantaggi non si limitano solamente alle possibilità indicate nel paragrafo precedente, ma grazie a questo sistema si possono mettere in collegamento due dispositivi usando qualunque fonte luminosa.
Si può creare una rete Wi-Fi per collegare due uffici senza la necessità di stendere cavi fisici, oppure si può registrare una trasmissione televisiva usando come fonte luminosa il televisore e, come ricevitore uno smartphone posto davanti allo schermo.
In questo modo lo smartphone potrà registrare direttamente il contenuto del canale che si sta guardando.
Un problema del Wi-Fi è legato alla salute delle persone: le onde elettromagnetiche emesse da esso sono risultate altamente dannose per il nostro corpo e tutto ciò non accadrà con la nuova tecnologia derivante dalla luce.
Il Li-Fi potrà essere usato anche dove l'attuale Wi-Fi risulta pericoloso, come per esempio sott'acqua, sugli aerei o sulle piattaforme petrolifere. I segnali luminosi, infatti, non oltrepassano neanche le pareti, quindi sono più che sicuri e intercettabili.



GLI SVANTAGGI
La velocità di trasferimento dati raggiunge i 3 GB al secondo surclassando qualsiasi connessione Wi-Fi, ma vi sono anche dei limiti posti dal vettore usato, che è per l’appunto la luce.
A differenza della onde elettromagnetiche, la luce non è in grado di attraversare gli ostacoli come pareti o qualsiasi cosa che possa disturbare la diffusione della luce, come ad esempio la nebbia, infatti, per far funzionare questa tecnologia è necessario che fra i dispositivi (mittente e destinatario del segnale) non vi siano ostacoli.
Questo comporta una limitazione nel suo uso nell’ambito urbano come quello di una città, ma sicuramente conveniente in un ambiente controllato come quello di una casa, di un ufficio o di qualsiasi luogo chiuso.
Internet, quindi, tra alcuni anni non giungerà più nelle nostre case attraverso la linea telefonica, ma tramite i lampioni stradali: un'altra pecca è che basterà un semplice specchietto per rubare un po' della banda a disposizione.


PREZZO E LANCIO
Si prevede che il dispositivo verrà commercializzato entro la fine di quest’anno o inizi del 2014 ad un prezzo di 80 euro.
Non resta che attendere la sua uscita e vedere come i produttori useranno questa novità sia nel mondo dei dispositivi mobile che per uso indoor.

Cos'è Internet.org: Internet Per Tutti

Mark Zuckerberg(Facebook) e un gruppo di alleati(tra i quali la Samsung) annunciano il lancio di Internet.org , iniziativa tesa a portare la Rete a quei 5 miliardi di persone sul pianeta che non hanno ancora le possibilità e i mezzi per accedervi.
Oltre a Facebook, la partnership coinvolge Ericsson, MediaTek, Nokia, Opera, Qualcomm e Samsung.
Nel presentare la nuova iniziativa, Zuckerberg esordisce glorificando Facebook e la capacità che il social network avrebbe dato alle persone di "connettersi" gli uni agli altri, capacità che in taluni paesi sottosviluppato o in via di sviluppo sono ostacolate da ogni genere di barriere economiche e infrastrutturali.


LO SCOPO
Internet.org dovrebbe appunto servire a superare o aggirare queste barriere, facendo sì che il resto della popolazione mondiale si aggiunga ai 2,7 miliardi di internauti che già hanno la possibilità di accedere a Internet su computer o gadget mobile.
Internet.org si focalizza su tre "sfide" ben precise nei paesi in via di sviluppo, vale a dire rendere l'accesso a Internet economicamente alla portata dei cittadini, studiare sistemi e strumenti per ottimizzare l'uso dei dati scambiati online e infine "aiutare" le aziende a incrementare l'accesso alla Rete tramite incentivi, servizi di localizzazione e quant'altro.


ALTRE INIZIATIVE
Dopo aver lanciato l'iniziativa Internet.org per contrastare il digital divide e connettere gli altri 5 miliardi di esseri umani al network telematico mondiale, Facebook e le altre corporation coinvolte nel progetto passano ora alla fase propositiva rilasciando un white paper che sottolinea l'importanza dell'efficienza nello sviluppo e nello sfruttamento delle infrastrutture di rete.
Nato dal contributo di Facebook, Qualcomm ed Ericsson, il documento A Focus on Efficiency prova a dare le prime risposte al problema dell'efficienza nella distribuzione di app, dati e informazioni via connessioni TCP/IP: gli attuali costi di distribuzione sono 100 volte più ingenti di quanto sostenibile nell'ottica dell'obiettivo fissato da Internet.org, dice lo studio, ma con uno "sforzo organizzato" sarebbe possibile incrementare l'efficienza media di distribuzione di 100 volte entro i prossimi 5-10 anni.
E ancora altre tecnologie efficienti operano per ottimizzare l'immane lavoro delle macchine al cuore del social network più popolare del pianeta, mentre per il mobile si parla di app ottimizzate per ridurre al minimo lo spreco di byte trasferiti sulle reti wireless.
Riguardo il wireless, Qualcomm lavora invece alla "1000x Challenge" per realizzare infrastrutture globali in grado di soddisfare una domanda di connettività 1000 volte superiore a quella attuale.



venerdì 18 ottobre 2013

Chiusi Pirate Bay e Quattro Siti Torrent (2013)

Nella giornata di oggi blitz nel Web da parte della guardia di finanza: oscurati i siti “pirata” più famosi, impossibile ora accedere dall’Italia a “The Pirate Bay”, tra i più noti portali internazionali della pirateria, una delle piattaforme più visitate per l’accesso a contenuti illegali multimediali(musica, film, serie televisive, software, videogiochi, libri, applicazioni) e ad altri quattro fra i domini più frequentati dagli internauti italiani per scaricare files pirata, ovvero extratorrent.com, torrenthound.com, 1337x.org, h33t.eu


ANCORA GUAI PER PIRATE BAY
Pirate Bay, in particolare, nato in Svezia nel 2003, ha subito già numerosi provvedimenti giudiziari in Italia ed all’estero. Dopo la condanna penale e i pesanti risarcimenti inflittigli nel 2010 dal Tribunale d’appello di Stoccolma, ha trasferito la propria sede prima in Islanda e, poi, nell’isola caraibica di Saint Martin.
L’operazione, condotta dai finanzieri del nucleo speciale frodi tecnologiche è partita da una denuncia della Fimi, Federazione industria musicale italiana.
I siti bloccati dalle unità speciali della guardia di finanza con provvedimento dell’autorità giudiziaria, consentivano la distribuzione e la condivisione gratuita, attraverso la formula peer to peer “Bit Torrent”, di file con musica, film, serie televisive, software, videogiochi.
Attraverso i domini oscurati, infatti, era possibile accedere ad un database online, suddiviso per aree tematiche, in cui sono presenti complessivamente 15 milioni di file torrent.
“Lo scambio via internet di file contenenti opere tutelate dal diritto d’autore, è una pratica che costituisce, tuttora, una grave turbativa del mercato legale e che fa venir meno rilevanti introiti per l’erario”, ha sottolineato la guarda di Finanza, ricordando che “le attività di questa tipologia di siti pirata generano, infatti, per i gestori, copiosi profitti, soprattutto attraverso la presenza di banner pubblicitari ospitati sulle pagine web”.

martedì 15 ottobre 2013

Altri Arresti Sul Deep Web: USA, UK e Svezia

Continua l'operazione contro il mercato nero sul Deep Web, dopo la chiusura di Freedom HostingSilk Road e l'arresto di Ross Ulbricht.
E situazione destinata a "peggiorare" nei prossimi giorni.


ARRESTI NEGLI USA
Gli agenti federali hanno infatti ammanettato due fornitori nello stato di Washington, accusati di spaccio di sostanze stupefacenti attraverso l'account NOD sulla piattaforma Tor.
Steven Lloyd Sadler e Jenna White sarebbero stati individuati grazie alla collaborazione di un misterioso (e canterino) compratore in Alaska.


ARRESTI NEL REGNO UNITO
Ma le trame di Silk Road sembrano decisamente più estese di così.
Nel Regno Unito, la National Crime Agency ha messo le mani su quattro sospettati legati alla rete sotterranea per la compravendita di droga e documenti falsi.
Uno dei quattro sarebbe proveniente dal Devon, mentre gli altri tre risulterebbero residenti a Manchester.
Il gruppo è accusato di aver fornito grandi quantità di sostanze stupefacenti agli utenti di Silk Road.
Soprannominata l'FBI britannico, l'agenzia NCA ha lanciato un messaggio chiaro a tutti quei criminali che pensano di nascondersi attraverso l'anonimato di Internet:
"Sappiamo dove siete, cosa state facendo e vi verremo a prendere. Non importa quanto siano preparati da un punto di vista tecnologico, perchè commetteranno errori che ci faranno avvicinare a loro".


ARRESTI IN SVEZIA
Altri due soggetti sono stati arrestati in Svezia per la vendita di marijuana su Silk Road e le autorità statunitensi fanno la conta degli utenti legati al mercato nero del Deep Web.
Con dieci recensioni pubblicate dai consumatori per ogni pagina di Silk Road per un totale di 142 pagine i federali quantificano in oltre 1.400 i feedback per la singola vendita di cocaina, eroina e metanfetamina.


TRACCIAMENTO
Nel frattempo è affiorata una nuova teoria sulle tecniche adottate dall'FBI per tracciare la posizione geolocalizzata dei server di Silk Road. Stando a quanto trapelato nella comunità hacker, l'intelligence statunitense avrebbe sfruttato una vulnerabilità software per accedervi tramite Tor, riuscendo ad ottenere una immagine degli stessi server con la collaborazione forzata di una società di hosting con base in Islanda.
L'installazione di cimici per il tracciamento degli accessi a Silk Road avrebbe portato le autorità britanniche all'arresto dei quattro sospetti.
Per saperne di più: Tor Hackerato da un Malware


Altri articoli:
Guida Deep Web 2013
Configurazione TOR 2013(Per Il Deep Web)
Accedere Al Deep Web Senza Software
Links Italiani Deep Web(2013)
Link Per Freenet e TOR(Deep Web)
Migliori Link Deep Web 2013
Guadagnare Bitcoin(Guida per pagare sul Deep Web)
Darknet: La Rete Oscura
Link Per Il Deep Web(Freenet e TOR)
How To Access Deep Web

Addio Ai Profili Segreti Su Facebook

Chi sino ad oggi era riuscito ad avere un profilo su Facebook e a renderlo «invisibile» al di fuori dei proprio “amici” può mettersi l’anima in pace: il suo account comparirà a tutti gli altri iscritti che lo cercano usando come parole chiave nome e cognome o l’e-mail.
Finora fra le impostazioni della privacy di Facebook si poteva scegliere se rendere visibile il proprio profilo a qualsiasi altro iscritto nelle ricerche sulla timeline del social network.
Ora questa possibilità sarà negata.


IL RESPONSABILE
A comunicare l’addio ai profili «segreti» è stato il chief privacy officer Michael Richter.
"Era già stata rimossa lo scorso dicembre per chi non aveva attivato restrizioni, mentre ora verrà eliminata anche per la «piccola %» di utenti che l’aveva impostata. Facebook afferma che impostare livelli di condivisione più o meno estesi dei singoli contenuti pubblicati è un margine di controllo più che sufficiente per garantirsi privacy, anzi è il «modo migliore».
Il venir meno dell’opzione non influisce sulla possibilità di restringere per ogni post i destinatari ma di fatto elimina uno scudo ulteriore.


GLI ISCRITTI SU INSERZIONI PUBBLICITARIE
La simbiosi fra presenza «social» e servizi online è ormai parte integrante anche dell’offerta di Google che sembra voler percorrere le orme di Facebook per quanto riguarda l’utilizzo dei dati degli utenti nelle inserzioni pubblicitarie.
Il colosso di Mountain View ha appena modificato i suoi termini di servizio comunicando che dall’11 novembre i nomi e le foto dei profili dei suoi utenti, a meno di indicazione contraria degli iscritti, potranno comparire nelle inserzioni pubblicitarie.
In pratica se un utente segue un ristorante su Google Plus o esprime il gradimento per un album su Google Play, il nome di quella persona, la sua foto e il suo parere potranno essere utilizzati per gli annunci.
L’opzione può essere disabilitata tramite link ad hoc ed esclude automaticamente chi ha meno di 18 anni.

domenica 13 ottobre 2013

Malware Che Infetta Tramite Video e Tag Su Facebook

Due ricercatori italiani Danny di Stefano e Matt Hofmann hanno intercettato un malware che attacca Chrome, il browser di Google.
Un malware che sembrerebbe di provenienza turca dalle prime analisi.
Si installa nelle "estensioni" o plugin di Chrome, e quindi se avete un browser diverso come Firefox o Internet Explorer siete al sicuro.
Una volta installato, il malware prende possesso del vostro account Facebook e tagga tutti  i vostri amici, in post differenti, tutti invitandoli con smile o frasi a cliccare sullo stesso url malevolo.


COME AVVIENE IL CONTAGIO
Arriva una notifica di essere stati taggati su Facebook da un amico/a.
Apriamo il post, c'è un indirizzo e uno smile accanto.
Clicchiamo sull'indirizzo che porta a un sito esterno.
Una pagina apparentemente normale con al centro un video. Provando a cliccare sul video, si apre una finestra "per guardare il video installa l'estensione".
Se abbiamo installato il plugin su Chrome e abbiamo cercato di vedere il video siamo stati infettati.
In poco meno di 70 ore oltre 550.000 persone (ma i report parlano di una diffusione molto veloce) sono state indirizzate sul sito malevolo, anche se è impossibile sapere quante di loro sono state però infettate. Nonostante il malware sia stato segnalato a Facebook, i criminali stanno creando più indirizzi con lo stesso software malevolo, così da evitare di essere bloccati.
Numeri da capogiro, con un oltre 90% di visitatori provenienti da Facebook, che ancora una volta si dimostra la miglior strategia per far circolare velocemente ed infettare migliaia di persone. Il malware non sembra essere particolarmente avanzato tecnicamente ma è perfetto per infettare degli utenti non esperti. Tra le varie funzioni una in particolare lo rende difficile da rimuovere: se l'utente si accorge che il problema è stata l'estensione da lui installata per guardare il video e prova a rimuoverla dal pannello di Google Chrome; ma il malware riconosce l'azione e chiude il browser prima che l'utente possa cancellare il plugin malevolo.


MALWARE TURCO
Durante l'analisi i due ricercatori sono riusciti a ottenere delle informazioni anche sugli autori del sistema. La macchina utilizzata sembrerebbe essere un server in affitto da una grande società di servizi web, ma gli Ip degli autori riconducono alla Turchia.
A rafforzare questa tesi anche il codice del malware che contiene, tra le linee del codice, dei commenti in turco.
Potenzialmente il malware potrebbe andare oltre la diffusione via Facebook, sembra infatti avere delle funzionalità per intercettare account bancari e relative carte di credito.


RACCOMANDAZIONI
Attenzione quindi ai tag, ai link che riceviamo anche via chat. Se apriamo un indirizzo sospetto e ci viene chiesto di installare plugin o di scaricare software chiudiamo immediatamente la pagina anche se questa possa sembrare legittima. Dagli ultimi report delle maggiori case di sicurezza informatica, da anni gli "attacker" utilizzano tecniche che prevedono l'utilizzo dei social network e questa è la prova di quanto possa essere potente come strumento di diffusione.

martedì 8 ottobre 2013

Ricercare Persone Online (Link Motori di Ricerca)

Vi siete cancellati da un Social Network e volete verificare che effettivamente non figurate più online?
Avete bisogno di sapere una data persona a quale Social Network è iscritta?
Bene, questi link fanno al caso vostro.

http://www.yasni.co.uk/
http://www.123people.it/
http://www.social-searcher.com/
https://pipl.com/
http://webmii.com/
http://snitch.name/
http://www.peoplelookup.com/
http://www.zabasearch.com/
http://www.cvgadget.com/
http://www.peekyou.com/
http://www.kgbpeople.com/

Come Funziona Evensi: Trovare Eventi e Serate

Evensi ed è un’applicazione gratuita che ti permette di trovare eventi in tutto il mondo.
Si possono scoprire nuovi eventi navigando sulla mappa oppure ricercando l’evento direttamente tramite il search engine che te li ordina per vicinanza geografica e rilevanza di interesse.
Evensi, il primo social network dedicato agli eventi che raccoglie due milioni, fra concerti, spettacoli, manifestazioni gastronomiche e altre iniziative sparse per i cinque continenti.


COME FUNZIONA
La maggior parte degli eventi viene estratta da Facebook attraverso gli utenti di Evensi che accedono tramite il social network.
Attraverso un algoritmo brevettato, Evensi riesce anche a garantire l’alta qualità degli appuntamenti, che vengono presentati e ordinati in base alla rilevanza .
Le categorie sono musica, vita notturna, enogastronomia, cultura, fiere, corsi e sport. Per gli amanti della musica live, il sito ospita una sezione in cui sono presenti tutti i concerti, da quelli delle band underground ai live show dei gruppi mainstream, suddivisi per genere e nazione.
Tutto questo è possibile perché, al momento dell’iscrizione al sito, l’utente è chiamato a descrivere i propri interessi riguardo al tipo di musica o al genere di locale preferito, ristorante o manifestazione sportiva più congeniale, ma anche convegni e meeting che lo possano attirare.
L'obiettivo è fornire all'utente una applicazione gratuita per sapere in tempo reale, in base ai propri gusti personali, cosa bolle in pentola di interessante nella propria città senza dover spluciare riviste e siti web di ogni tipo.
Attraverso una comoda mappa è possibile scoprire gli eventi (icone colorate) geolocalizzati per tipologia (musica, vita notturna, enogastronomia, cultura, fiere, corsi e sport) o cercarli direttamente attraverso un search engine che li ordina per vicinanza e rilevanza.
In definitiva un servizio molto utile, in particolare in questo periodo in cui abbiamo più tempo libero da dedicare ai nostri interessi sociali.
http://it.evensi.com/maps/

Come Consultare Wikipedia Offline (Con Kiwix)

Purtroppo, frequentemente, non c’è la possibilità di connettersi a internet e quindi risulta impossibile accedere all’immenso archivio di Wikipedia, limitando di conseguenza le informazioni a disposizione.
Grazie a Kiwix, programma gratuito open source, è possibile scaricare sul proprio computer l’intero archivio di Wikipedia in modo da poterlo consultare in ogni momento.
Oltre a Wikipedia in lingua italiana non manca l’opportunità di conservare anche Wikipedia in lingua inglese, francese, tedesca, olandese e molte altre.
Kiwix permette di scaricare gli archivi e grazie al lettore integrato di leggerli comodamente sfruttando tutti i collegamenti ipertestuali presenti.
Ovviamente l’archivio scaricato non conterrà eventuali aggiornamenti apportati dopo la data di download ma ci sarà materiale sufficiente per consentire una consultazione adeguata delle informazioni.


COME FUNZIONA
Il programma legge il contenuto di un progetto immagazzinato in un file in formato ZIM, che contiene, compresse, le voci.
Il software è stato pensato ovviamente per tutti i computer momentaneamente sprovvisti di connessione ad Internet.
Kiwix è disponibile in oltre 80 lingue, permette la ricerca nel testo, la navigazione a schede e la possibilità di esportare voci in PDF e HTML.
Esso è disponibile per Linux, Windows, Android e Mac OS X.


DOWNLOAD DEL PROGRAMMA
Usare questo software è molto semplice.
Prima di tutto bisogna scaricarlo sul sito ufficiale: http://www.kiwix.org/wiki/Main_Page/it
Fatto ciò è sufficiente aprire il programma, scegliere la versione di Wikipedia che si vuole scaricare, attendere che si completi il download (richiede una buona disponibilità di spazio e di tempo, sono circa 15Gb), aprire la sezione “I miei libri”, selezionare quello che ci interessa e poi cominciare a sfruttare le potenzialità di Wikipedia.


Qui invece imparerete a convertire Wikipedia in mp3

Tutte Le Novità Dell'iPhone 5S (Recensione)

iPhone 5S è il settimo smartphone sviluppato da Apple presentato ufficialmente il 10 settembre 2013.
Questo dispositivo è il successore dell'iPhone 5.
Monta il processore Apple A7 ed è dotato di fotocamera posteriore da 8 Megapixel.


CARATTERISTICHE E NOVITA' HARDWARE
Il processore è a 64 bit.
iPhone 5S introduce il SoC Apple A7, due volte più veloce del precedente Apple A6 con cui era equipaggiato l’iPhone 5.
Apple ha aggiunto inoltre un nuovo processore, chiamato Apple M7, dedicato espressamente a rilevare con precisioni i movimenti del telefono.
Rinnovata anche la fotocamera con un rapporto focale F/2,2 (era F/2,4) e il flash che diventa doppio per bilanciare al meglio i colori.
Novità principale dell’hardware è l’introduzione di un lettore di impronte digitali all’interno del tasto home che consentirà autenticazioni più veloci e sicure per sblocco telefono e acquisti dagli store Apple (tecnologia però immediatamente aggirata, pur con una procedura non esattamente alla portata di tutti). La batteria, infine, è stata migliorata passando dalle 8 alle 10 ore di conversazione dichiarate.


SISTEMA OPERATIVO
iPhone 5S è equipaggiato con iOS 7, la settima versione del sistema operativo per iPad, iPhone e iPod touch.
Inoltre sarà disponibile con spazio di archiviazione di 16, 32 e 64 GB.
I dati vengono archiviati su una memoria flash integrata e non vi è possibilità di espansione.


AUTONOMIA
iPhone 5S monta una batteria integrata ricaricabile agli ioni di litio.
Durata:
-Tempo di conversazione fino a 10 ore su rete 3G.
-Tempo di standby fino a 250 ore.
-Tempo in navigazione internet fino a 8 ore su 3G, fino a 10 ore su LTE, fino a 10 ore su Wi-Fi.
-Tempo di riproduzione video fino a 10 ore e tempo di riproduzione audio fino a 40 ore.


FORMA
Il nuovo iPhone 5S è identico nelle forme all’attuale iPhone 5: display da 4 pollici, forma allungata, spessore di 7,6 mm.
Anche il peso è identico a quello dell’iPhone 5: 112 grammi.


COLORE
iPhone 5S è disponibile in tre diversi colorazioni: oro, argento e grigio.


COSTO
L’iPhone 5S ovviamente batte i precedenti record di prezzi stabiliti dall’iPhone 5.
In Italia non sono stati resi ancora noti i prezzi al pubblico ma i prezzi in Francia e Germania sono aumentati, seppure di poco(20 euro).
Approssimativamente il prezzo dovrebbe aggirarsi dai 750 agli 950 euro(in base al modello: 16GB, 32 GB, 64GB).
I prezzi negli Stati Uniti rimangono sempre i più convenienti(da 400 a 500 euro), considerando anche il fatto che Apple sembra sia intenzionata a vendere iPhone senza blocco operatore sin dal primo giorno di disponibilità.
Si potrà come sempre avere il telefono a un prezzo minore sottoscrivendo un piano tariffario di un operatore.


IL GEMELLO iPHONE C
Apple ha presentato assieme all’iPhone 5S un nuovo telefonino chiamato iPhone 5C basato sulle medesime specifiche tecniche dell’iPhone 5 con scocca in policarbonato (plastica). In Francia e Germania iPhone 5C viene venduto a €599 (16 GB) e € 699 (32 GB).


USCITA
Il nuovo iPhone 5S è disponibile al pubblico il 20 settembre 2013 in Australia, Stati Uniti, Canada, Cina, Francia, Germania, Hong Kong, Giappone, Puerto Rico, Singapore e Regno Unito.
Durante il primo weekend sul mercato è stato venduto complessivamente in 9 milioni di unità, due terzi dei quali sono nella versione 5S.
L’Italia solitamente appartiene al secondo gruppo di paesi di distribuzione.
Quest’anno Apple non ha annunciato, come accade di solito, la data di disponibilità nei paesi di questo secondo gruppo limitandosi ad un generico “entro dicembre 2013″.
Approssimativamente credo per novembre.

lunedì 7 ottobre 2013

Joint Cyber Reserve Unit: Il Cyberesercito Contro Gli Hacker

Le stime del rapporto Clusit 2013 sulla sicurezza informatica in Italia non lasciano dubbi: il nostro Paese, nei primi sei mesi di questo anno, ha subito un aumento del 370% di attacchi di cybercrime rispetto ai 24 mesi precedenti.
I tradizionali antivirus non sono più capaci di proteggere l’utente e nessuna piattaforma è immune da un possibile attacco e ciò che è successo recentemente al New York Times ne è un esempio.
Lo scorso agosto, infatti, il quotidiano ha subito un attacco(blackout) da parte della Syrian Electronic Army, associazione di hacker schierati dalla parte di Assad.
Lo stesso gruppo si era precedentemente fatto carico di attacchi ai danni di altre importanti testate e di account Twitter, tra cui quello dell’Associated Press attraverso il quale, il 23 aprile 2013, gli hacker diffusero la falsa notizia di un attacco alla Casa Bianca nel quale lo stesso Presidente Obama sarebbe rimasto ferito, cosa che portò ad un successivo crollo delle borse.


WEB, AREA MILITARE ALTERNATIVA?
Ultimamente il Web è anche diventato un’area militare alternativa.
Infatti, come afferma il segretario alla Difesa britannico Philip Hammond «Le persone riconoscono la terra, il mare e l’aria come spazi militari.
Da tempo è stata individuata una quarta area, lo spazio.
Adesso ce n’è una quinta: il cyberspazio».
Il governo britannico lancia un cospicuo investimento, di 500 milioni di sterline secondo il Daily Mail, per creare un 'cyberesercitò in grado di contrastare gli hacker nemici del Regno Unito. Come ha annunciato il ministro della Difesa, Philip Hammond, a partire da ottobre saranno arruolati i genì del settore anche fra i civili.
Questa unità non si occuperà solo di difesa ma potrà anche lanciare suoi attacchi nel Web.
Si chiamerà 'Joint Cyber Reserve Unit' e avrà al suo interno anche il personale che è uscito dalle forze armate dopo i recenti tagli voluti dal governo di David Cameron.
"Il nostro budget alla difesa sarà investito sempre più in attività ad alta specializzazione come intelligence e sorveglianza".

domenica 6 ottobre 2013

Come Funzionano Netflix Ed Hulu (Streaming TV)

Lo scorso anno ci fu una svolta epocale per il futuro della TV su internet.
Infatti Netflix e Hulu lanciarono le prime serie televisive in esclusiva per il web.
Si tratta di una mossa commerciale da parte delle due compagnie che offrono un abbonamento per vedere film e documentari in streaming.
Dunque l'idea di base è diventare un servizio di "streaming TV" per competere con la televisione via cavo.


SERIE TV SU NETFLIX ED HULU
Netflix inizialmente ha realizzato otto episodi della serie televisiva a coproduzione norvegese e americana “Lilyhammer” invece Hulu la lanciato la serie “Battleground”.
Distribuendo serie nate per la rete e non presenti in televisione, le due società sperano di aumentare il numero di clienti disposti a pagare circa 10 dollari al mese (9,99 per Netflix, 7,99 per Hulu) per vedere film e serie tv online.
Siti Ufficiali: Hulu Netflix

Per approfondire:
La Storia Di Netflix
Come Funzionano Netflix Ed Hulu
La Storia Di Blockbuster e Il Suo Fallimento


KICKSTARTER ED INDIEGOGO
Netflix e Hulu, tuttavia, non sono le uniche aziende ad avere avuto questa idea.
La piattaforma di video-sharing YouTube sta allestendo 100 canali tematici che avranno come protagonisti molte star di Hollywood.
E sempre da Google arriva la notizia che nell’anno verrà lanciato un dispositivo per trasmettere musica in streaming in tutta la casa e che sarà venduto col marchio della società che fa il suo ingresso, quindi, anche nel mondo dell’hardware.
L’operazione segna un importante cambiamento per Google, che per la prima volta progetterà e venderà un dispositivo col suo nome.
Finora, infatti, con Android, la società di Mountain View si era concentrata sullo sviluppo software, lasciando che fossero altre aziende a inserire il suo sistema operativo nei loro dispositivi.
Altre web company, come Kickstarter e IndieGoGo, stanno investendo sempre di più nel finanziamento di film e serie per la rete.
Ed è un fenomeno destinato ad aumentare.
Lo conferma una ricerca condotta recentemente da Nielsen, che mostra la tendenza dei giovani ad abbandonare la televisione per passare il tempo libero con computer, smartphone e tablet.
http://www.kickstarter.com/projects/484889112/the-pocket-tv-makes-any-tv-a-smart-tv
http://www.indiegogo.com/projects/bodyshock-tv


Altri siti di Film Streaming On Demand:
Come Funziona Infinity(Mediaset Streaming)
Come Funziona River(Sky Streaming)
Come Funziona Prime(Amazon Streaming)
Come Funziona Cubovision(Telecom Streaming)
Cos'è Chromecast(Google TV)


Come Funziona Blurum Priority Order

Di Blurum penso che ormai sappiate tutti.
E penso che tutti sappiate riguardo quanto sia difficile beccare il Riassortimento(Guida).
Da questi presupposti nasce, nel Dicembre 2012, Blurum Priority Order.
Dopo un periodo di sperimentazione per confermare la validità del sistema, questo progetto è stato allargato al pubblico.
Inizialmente è nato il gruppo omonimo su Facebook che contava una partecipazione attiva e una continua crescita delle adesioni.


COME FUNZIONA
Sostanzialmente il sistema BPO, offre (o forse offriva) diversi servizi: dall’avviso nel gruppo dedicato su Facebook (entro 30 secondi dall’inizio del riassortimento), all’avviso tramite SMS (entro 2-5 secondi dall’inizio del riassortimento), all’Order che invece è uno strumento per chi vuole prenotare un premio di fascia alta senza rischiare di invalidare l’ordine con l’utilizzo di BOT o programmini non permessi da Blurum.
È opportuno spiegare come funzionano questi "bot auto-ordinanti".
Questi bot vengono impostati dall'utente con i dati del profilo, del prodotto desiderato e di spedizione.
La procedura è semplicissima e richiede solo qualche minuto.
Una volta avviato il software, questo si occupa autonomamente della scansione delle pagine di Blurum aggiornando continuamente la pagina.
Il tutto avviene tramite due operazioni: il primo controlla il contatore globale nella pagina principale, il secondo controlla nella pagina del prodotto desiderato.
Per far sì che il programma rilevi il riassortimento, è necessario che questo aggiorni la pagina ogni tot secondi.
Quando poi Blurum avvia il riassortimento, il bot ordina in maniera automatica il tanto sospirato premio.


SVANTAGGI E RISCHI
Al momento del suo avvio e fino al riassortimento, il bot aggiorna automaticamente ogni tot secondi le pagine di Blurum.
Ovviamente gli amministratori di Blurum visualizzano tutte le volte che l'utente aggiorna le pagine del loro sito. Le informazioni vengono registrate tenendo conto dell'orario della visita e dell'IP (indirizzo univoco che identifica ogni accesso al Web).
Fatta questa premessa, diviene del tutto intuitivo renderci conto che chi controllerà il nostro profilo Blurum, prima dell'approvazione del premio, ha a sua disposizione i dati che indicano che il nostro computer ha aggiornato le pagine di Blurum ogni tot secondi per giorni e giorni.
La domanda sorge spontanea: chi se non un programma fatto appositamente riuscirebbe a fare ciò?
Chi controlla questi dati sa darsi questa risposta e annulla l'ordine e i relativi punti perché effettuati in maniera contraria al regolamento.
Il regolamento adesso prevede che i punti di ordini precedenti annullati o non approvati vengano reimmessi nel contatore globale del mese corrente.
Questa sembrerebbe una piccola vittoria degli utenti che rispettano le regole: ciò purtroppo non è.
Viene spontaneo dedurre che i punti reimmessi nel contatore globale, automaticamente verranno riconquistati dagli utenti che utilizzano i bot poichè questi sono sempre più veloci degli utenti in "carne ed ossa".
Siamo quindi nuovamente al punto di partenza: i punti ordinabili finiscono in un limbo di ordine e annullamento continuo.
Poi ovvio, ci saranno sempre coloro che riusciranno ad ordinare senza usare bot.
In ogni caso sia la pagina Facebook che il Forum sembrano in stato di abbandono.


Questo era la pagina Facebook: https://www.facebook.com/BlurumPriorityOrder
Questo invece il sito: http://bpo.altervista.org/BLURUMPRIORITYORDER/


Qui invece un articolo sulla situazione a fine 2013: Blurum Sta Fallendo(Novembre 2013)