Visualizzazioni Totali

IL MIGLIOR BLOG TECNOLOGICO DEL WEB: PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATI SULLE NOVITA' DEL BLOG DA OGGI CI TROVATE ANCHE SU FACEBOOK! (LINK A SINISTRA)

martedì 22 gennaio 2013

Comprare A Prezzi Bassi: Offerte, Promozioni, Prezzi Scontati

Avete sempre desiderato acquistare a prezzi scontati oggetti costosi?
Questi link sono la risposta.

http://www.showroomprive.it/
http://www.saldiprivati.com/
http://www.miniinthebox.com/it/
http://www.eprice.it/
http://www.ttimeshop.it/
http://www.eplaza.it/
http://www.pixmania.com/


Coupon ed offerte vicino a te:
http://www.groupon.it/
http://www.poinx.it/

Come Funziona Twitterfeed (Guida)

Pubblicare i propri contenuti su Twitter può dare una spinta alla diffusione del nostro blog, offrendo al tempo stesso ai suoi lettori un modo alternativo per seguirlo.
A questo scopo, possiamo utilizzare TwitterFeed per pubblicare un messaggio ogni volta che scriviamo un nuovo articolo del nostro blog.
twitterfeed.com/


COME FUNZIONA TWITTERFEED
Per utilizzare TwitterFeed dobbiamo registrarci gratuitamente al servizio creando un nuovo account (possiamo utilizzare anche il nostro OpenID).
In fase di registrazione basterà inserire pochi dati personali e il feed del nostro blog per collegare TwitterFeed al nostro profilo su Twitter: tutta l’operazione si completa in pochi minuti.

Sono due step da completare:
1) Nome Feed ed URL del blog
2) Collegamento degli account(non solo Twitter ma anche Facebook, etc)

Ogni volta che scriveremo un post, TwitterFeed pubblicherà un messaggio con il suo titolo e una piccola anteprima del suo contenuto, con un link che rimanda all’articolo completo.



Altri articoli simili:
Come Funziona Askfm
Come Funziona Formspring
Come Funziona Twitterfeed
Come Funziona So.cl
Come Funziona Google Plus
La Storia Di Facebook
Facebook(Come togliere il diario da Facebook)
Facebook(Come cancellarsi da Facebook)
Facebook(Scoprire chi ti ha cancellato)
Facebook(Nascondere la bacheca ad un amico)
Link social network e siti d'incontro

Come Rimuovere Il Malware Claro (Hijacker)

Claro Search Malware è un hijacker.
Claro Search Malware appare come un browser helper object e modifica le impostazioni del browser Internet, in modo tale da poter reindirizzare l’utente in altri siti Web correlati a Claro Search Malware.
Il virus riesce a convincere gli utenti che è un helper browser legittimo ed esso ha anche un'homepage che assomiglia ad un motore di ricerca.
In realtà, il motore di ricerca Claro Search Malware contiene link in uscita a siti Web dannosi(Trojan e altro malware).
Se ciò non bastasse, il search engine che reindirizza Claro Search Malware che fornisce risultati di ricerca in un layout che è una copia diretta del contorno risultati della ricerca di Google. Quindi, un utente potrebbe pensare che questi risultati sono legittimi, ma non essere così veloci a cliccare su di loro. Claro Search Malware potrebbe reindirizzare a seguito di siti infestati con applicazioni indesiderate.
Per eliminarlo con facilità consiglio: Spy Hunter(Download)
Fatto ciò fate una pulizia con CCleaner.

Come Evitare I Crash Di Internet Explorer

A chi non è mai successo che Internet Explorer cominci a crashare senza motivo?
Penso a pochi.
Posto che ormai IE sia obsoleto ed andrebbe sostituito da browser più recenti(tipo Chrome), vediamo principalmente questi crash a cosa sono dovuti.
Per prima cosa il problema potrebbe essere più banale di quello che sembra: basta pulire con la cronologia e cancellare i files temporanei con software tipo Ccleaner.


ALTRE SOLZUIONI
1) A volte chi provoca la tristemente famosa scritta "IE ha smesso di funzionare" sono i plugin.
Basta ripristinare IE alle impostazioni iniziali.
Strumenti/Opzioni Internet/Avanzate/Reimposta

2) Se non funziona vi consiglio di controllare eventuali toolbar istallate a vostra insaputa e di eliminarle e di aggiornare il browser all'ultima versione.

3) In alternativa di re-istallare il browser da capo.

martedì 15 gennaio 2013

Come Funziona Formspring

Formspring è un social network lanciato nel novembre del 2009.
Il sito consente ai suoi utenti di crearsi un profilo, di seguire altri utenti e fare loro domande. Le domande, con le rispettive risposte, vengono poi pubblicate sulla pagina del profilo dell'utente.
Il sito è gestito da Formspring.me, Inc. e a sede a San Francisco(California, USA).
Le domande possono essere poste anche in forma anonima, se l'utente lo permette.
Gli utenti, infatti, possono decidere di non consentire le domande anonime e bloccare altri utenti, dai quali non potranno ricevere ulteriori domande.
Per creare la propria pagina personale è necessaria una breve registrazione gratuita, mentre le domande possono anche essere inviate in modo anonimo (senza essere registrati).
Per iscriversi al servizio basta semplicemente inserire il vostro username, una email valida e una password.
Successivamente vi verrà data anche la possibilità di associare il vostro Facebook, Twitter, Tumblr e Blogger.
E' possibile personalizzare la propria pagina inserendo uno sfondo personalizzato e modificare alcune informazioni personali come: indirizzo e-mail, username, biografia etc
Tutto sommato simile a: Ask.fm(Guida)



Vi rimando ad altri articoli simili:
Come Funziona Twitterfeed
Come Funziona So.cl
Come Funziona Google Plus
La Storia Di Facebook
Facebook(Come togliere il diario da Facebook)
Facebook(Come cancellarsi da Facebook)
Facebook(Scoprire chi ti ha cancellato)
Facebook(Nascondere la bacheca ad un amico)
Link social network e siti d'incontro

Cos'è e Come Funziona Ask.fm


Ask.fm è un servizio di rete sociale basato su domanda-risposta, lanciato nel giugno 2010.
Il sito ha sede a Riga, in Lettonia.
Alla base del funzionamento del social network c'è un innovativo sistema domanda-risposta nel quale glli utenti possono scrivere domande sul profilo di altri membri del sito ed è possibile inviare le domande anche in forma anonima.
E' possibile con un programma anche scaricare video da Ask.fm: Scaricare Video Da Ask.fm

Qualora volesse (per ritrovare più facilmente la nostra pagina Ask.fm), potrete aggiungere anche il nostro hashtag nella vostra bio di Ask.fm: #DarkDave (per fare ciò basta andare sull'ingranaggio in alto a destra, poi impostazioni ed aggiungere l'hashtag citato in modifica impostazioni).


Cos'è Ask.fm?
Ask.fm è un sito dove è possibile fare qualsiasi domanda con anonimato o meno.
Per esempio, io mi iscrivo con nickname "Ermenegildo90" e, automaticamente, mi verrà assegnato un personale URL che sarà, in questo caso, ask.fm/ermenegildo90.
Chiunque voglia farmi una domanda rimanendo nell'anonimato, basterà che si colleghi all'URL ask.fm/ermenegildo90 e scriva ciò che vuole chiedermi.

Come posso registrarmi?
Registrarsi ad ask.fm è semplicissimo. Basterà collegarsi al seguente URL: http://ask.fm/ e cliccare su registrati. Apparirà un form che vi chiederà nickname, nome, cognome, indirizzo e-mail.
Completate il form e sarete automaticamente iscritti ad Ask.fm!
In alto a destra poi troverete il link "account" dove potrete aggiungere i vostri dati, aggiungere una foto, collegare il vostro account Ask a quello Facebook o Twitter e tante altre cose.
I vantaggi dell'iscrizione sono:
1) Potete scegliere se scrivere in anonimato o se visualizzare il tuo nome
2) Potete seguire i tuoi amici così da essere sempre aggiornato sulle loro risposte
3) Potete scrivere la stessa cosa a più persone contemporaneamente (sia anonimamente che non)
4) Potete collegare il vostro account Ask ai principali social network
5) Ricevi notifiche se amici rispondono alle tue domande

Se ho scritto a qualcuno anonimamente da non iscritto e poi decido di iscrivermi, le mie domande rimarranno in anonimo?
Certo! Le tue domande ormai sono state consegnate con anonimo quindi puoi tranquillamente iscriverti.

Se mi iscrivo devo rispondere a tutte le domande?
No! Funziona così: gli altri ti fanno le domande, tu ricevi una notifica che la domanda è arrivata e puoi leggerla. A questo punto puoi fare 3 cose: rispondi, la lasci lì e rispondi dopo o la cancelli. Se cancelli una domanda non verrà pubblicato nulla sul tuo profilo. E' come se non te l'avessero mai fatta.
Quindi gli utenti possono decidere o meno di rispondere alle tue domande.

Come faccio a non condividere tutte le mie domande su Facebook?
In questo caso devi andare sulle impostazioni del tuo account Facebook e togliere il privilegio all'applicazione Ask di pubblicare a nome tuo!

Come diventare popolari su Ask.fm?
Vi rimando a questi articoli Come Guadagnare Like Su Ask.fm(Hack?, Trucchi?, etc), Diventare Popolari Su Ask Pubblicizzare Il Proprio Profilo Ask



Vorreste sempre essere aggiornati sulle novità del blog?
Seguite la pagina Dark Space Blogspot (Facebook)


Vi consiglio anche questi articoli:
Avere Regali Gratis Ed Illimitati Su Ask
Codice Anonimo Ask.fm
E' Possibile Scoprire I Propri Followers Su Ask?
Ask(Novita Da Settembre 2013)
Bloccare Utenti Ask
Come Sbloccare Gli Anonimi Su Ask.fm
Cancellare Account Ask
Scoprire Gli Anonimi Di Ask
Ricercare Su Ask
Anonimo Ask(3 Giugno 2013)
Attività Ask(Risposte e Domande)
Scaricare Video Da Ask(Getflv)
Ask Per Android(Applicazione)
Collegare Ask a Facebook e Twitter
Scollegare Ask Da Facebook e Twitter

domenica 13 gennaio 2013

Aaron Swartz Si è Suicidato (Reddit)

Suicida Aaron Swartz, creatore di Reddit e Creative Commons.
Era stato arrestato con l'accusa di aver rubato file del Mit.
Il corpo trovato a New York.
Il giovane, 26 anni, si sarebbe tolto la vita l'11 gennaio. Personalità nota e attiva nell'ambito dei diritti digitali, era stato accusato di crimini informatici per aver scaricato 4 milioni di documenti dell'archivio Jstor.
Sullo sfondo, anni di depressione. La famiglia parla di persecuzione giudiziaria e accusa le autorità
Aaron Swartz, la lettera dei familiari: "Era perseguitato"
Tra i suoi progetti e realizzazioni c'erano Reddit, Rss1.0, Python e i Creative Commons. Ma a 26 anni, Aaron Swartz ha deciso di togliersi la vita, a New York, l'11 gennaio. Attivista informatico, una vita dedicata all'ideale della condivisione di informazioni e dati su internet, Swartz ha lavorato per definire e diffondere standard per questi obbiettivi. C'era lui dietro Demand Progress, la campagna contro Sopa/Pipa, gli "Act" proposti per regolamentare unilateralmente la Rete in USA.
E Swartz era anche un abile hacker.
Accusato di tredici infrazioni informatiche e arrestato con l'accusa di aver prelevato oltre 4 milioni di articoli dall'archivio del Massachusets Institute of Technology, il Mit.
Gli articoli fanno parte dell'archivio privato Jstor, da cui la causa. Swartz si è dichiarato non colpevole, ma le spese legali incombevano.
Per aiutarlo, il sito free.aaronsw.com aveva iniziato una raccolta fondi per la sua difesa.
E oggi la famiglia accusa il procuratore generale e il Mit: "La morte di Aaron non è semplicemente una tragedia personale", si legge in una nota ufficiale firmata dai genitori, dai fratelli e dalla fidanzata.
"La sua morte è il prodotto di un sistema giudiziario criminale".
Secondo diversi osservatori della Rete, le accuse a Swartz aprivano numerosi interrogativi.
Di fatto Swartz non sembrava aver hackerato nulla: semplicemente aveva prelevato i documenti previa registrazione di una regolare utenza. Jstor e il Mit avevano tentato di impedirgli uno scaricamento così massiccio e, come contromisura, Swartz aveva modificato gli indirizzi Ip e Mac dei computer che utilizzava. Abbastanza perché l'accusa ci vedesse un comportamento sospetto.
Due giorni prima del suicidio, Jstor aveva comunicato di voler diffondere oltre 4,5 milioni di documenti.
Il Dipartimento di Giustizia, suggerisce la rivista Wired, avrebbe tentato di rendere esemplare il caso Swartz, per rendere evidente come l'infrazione di termini di servizio su internet fossero una cosa seria. E ora il mondo della tecnologia statunitense fatica a non collegare la vicenda all'epilogo del suicidio. Anche considerando la depressione da cui Aaron Swartz sarebbe stato affetto da diversi anni.
"Le decisioni del procuratore generale e del Mit hanno contribuito alla sua morte", accusano senza mezzi termini la famiglia e la fidanzata.
"Il procuratore generale lo ha accusato di un'incredibile sequenza di capi di imputazione che avrebbero potuto sfociare in oltre 30 anni di reclusione per un presunto crimine che non aveva vittime. E nel frattempo il Mit si è rifiutato di schierarsi al suo fianco".