Visualizzazioni Totali

IL MIGLIOR BLOG TECNOLOGICO DEL WEB: PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATI SULLE NOVITA' DEL BLOG DA OGGI CI TROVATE ANCHE SU FACEBOOK! (LINK A SINISTRA)

lunedì 13 febbraio 2012

Darknet: Le Reti Oscure (Freenet, anoNet, StealthNet, I2P)

Una Darknet(rete oscura) è una rete virtuale privata dove gli utenti connettono solamente persone di cui si fidano.
Nel suo significato più generale, una Darknet può essere qualsiasi tipo di gruppo chiuso e privato di persone che comunicano ma il nome è più spesso usato nello specifico per reti di condivisione di file.
Il termine fu originariamente coniato negli anni settanta per designare reti che erano isolate da Arpanet(la vecchia internet)per motivi di sicurezza.
Per Darknet ci si riferisce anche al Deep Web, ovvero a tutto ciò che non viene indicizzato sui motori di ricerca.
Pensate che la parola "Invisible Net" veniva già utilizzata nel 1994.
Però ai tempi era comprensibile la cosa perchè i motori di ricerca non esistevano e se c'era qualcosa di simile non era assolutamente paragonabile a quelli di oggi.


Vediamone qualcuna nei particolari:
StealthNet tramite la rete RShare, fornisce un buon grado di sicurezza ed anonimato agli utenti che lo utilizzano.
Nell'uso dei programmi P2P non anonimi è facile tracciare l'IP di un utente ed i dati che sta scambiando,provocando una lesione dei diritti alla privacy.
Questo accade perché nei P2P non anonimi il trasferimento dei dati avviene in modo diretto tra mittente e destinatario.
Quindi è facile, analizzando il flusso di pacchetti trasmessi, rintracciare chi sta inviando, chi sta ricevendo e cosa si sta scambiando.
Questo comportamento è tipico delle associazioni Anti-P2P che analizzano il traffico P2P per scoprire trasferimenti di materiale coperto da copyright, andando però in tal modo a ledere la privacy degli utenti che non usano i programmi di file sharing in modo illegale.
L'analisi del traffico è resa più difficile,se non impossibile, nella rete RShare perché lo scambio di dati non avviene principalmente in modo diretto tra mittente e destinatario.
Infatti, prima di arrivare a destinazione, i dati vengono instradati attraversano altri nodi della rete RShare.
Ciò indica che ogni nodo della rete RShare non utilizza la propria banda solo per lo scambio dei propri file, ma anche per instradare ulteriori informazioni/dati riguardanti altri nodi della rete.


anoNet è una rete Friend To Friend(F2F) decentralizzata costruita usando programmi router BGP e VPN.anoNet lavora rendendo difficile conoscere le identità degli altri sulla rete permettendogli di ospitare anonimamente contenuti e servizi IPV4.
Per saperne di più: Cos'è anoNet: Guida e Configurazione


Freenet è una rete decentralizzata, creata per resistere alla censura,che sfrutta le risorse(banda passante,spazio su disco)dei suoi utenti per permettere la pubblicazione e la fruizione di qualsiasi tipo di informazione.
Freenet è stata costruita pensando ad anonimato e sicurezza, non alla velocità di trasmissione.
Questa caratteristica la rende poco indicata per lo scambio di files di grosse dimensioni.Sebbene molte nazioni censurino le comunicazioni per motivi diversi, hanno tutte una caratteristica comune: qualcuno deve decidere cosa tagliare e cosa mantenere, cosa considerare offensivo e cosa no.
Freenet è una rete che elimina per chiunque la possibilità di imporre la sua scala di valore sugli altri; in pratica, a nessuno è permesso di decidere cosa sia accettabile.
La tolleranza verso le opinioni altrui è fortemente incoraggiata,agli utenti è richiesto di non prestare attenzione ai contenuti che non approvano.
La versione 0.1 uscì nel marzo del 2000.
Conoscere con esattezza l'impatto di Freenet all'interno di nazioni che operano una forte censura sui cittadini è difficile per via del funzionamento interno di Freenet.
In Cina il gruppo Freenet-China ha tradotto Freenet in cinese e lo sta distribuendo tramite CD e dischetti.
Per la sua stessa natura, Freenet è da sempre al centro di discussioni e critiche.
La maggior parte di queste contesta il fatto che la stessa tecnologia che permette ai suoi utenti di comunicare le proprie idee senza che si possa risalire all'identità di chi le ha pubblicate o di chi le ha lette, può anche essere usata per pubblicare materiale illecito.
In ogni caso Freenet è stata progettata per resistere alle deformazioni: i contenuti che non vengono letti per un lungo periodo scadono e scompaiono.
La rete Freenet è progettata per essere resistente, per questo i processi di funzionamento interni lavorano tutti coperti da anonimato e sono decentralizzati su tutta la rete.
Il sistema non ha server centrali e non è soggetto a controlli né da privati né da organizzazioni.
Nemmeno l'ideatore di Freenet ha alcun controllo sul sistema.
La rete è stata progettata in modo tale che le informazioni vengano crittografate e replicate su molti diversi nodi in continuo cambiamento in tutto il mondo.
È estremamente difficile per un attaccante capire quali nodi stiano rendendo disponibile un determinato file in un certo momento e gli stessi tenutari dei nodi non sanno mai cosa stanno distribuendo.
Questo li mette al sicuro da eventuali reati di detenzione.
Lo scopo di Freenet è immagazzinare documenti e permetterne la lettura attraverso indirizzi univoci (altrimenti detti "chiavi") in modo simile a quanto accade sul web tramite il protocoll HTTP.
La rete è costituita da un gran numero di nodi che si scambiano informazioni: ogni nodo comunica con i limitrofi attraverso il protocollo di Freenet; non esiste una divisione tra "client" e "server" su Freenet: tutti i partecipanti agiscono in entrambi i modi, permettendo sia di effettuare richieste di informazioni ad altri nodi sia di inviare documenti in risposta alle richieste altrui.
Per saperne di più: Come Funziona Freenet(Deep Web)


Entropy, si trattava di una rete P2P decentralizzata per la costruzione di siti anonimi (simile a Freenet) e che garantiva l'anonimato dei suoi utenti.
Entropy era scritto in C.
Freenet invece (il predecessore diciamo) era scritto in Java.
Utilizzava banda e spazio di archiviazione dei computer dei membri per consentire agli utenti di pubblicare anonimamente o ottenere informazioni di ogni tipo.
Entropy è l'acronimo di " Emerging Network To Riduce Orwellian Potency Yield " riferendosi al celebre romanzo scritto da George Orwell (1984).
Ogni client di Freenet poteva essere configurato per funzionare sulla rete Entropy.
Tuttavia, i dati memorizzati per Entropy e Freenet non erano compatibili, quindi non condividevano informazioni.
Per problemi di sicurezza, la rete fu quasi subito abbandonata.


I2P, originariamente chiamata Invisible Internet Project, è un Open Source per la realizzazione di una rete anonima.La rete offre un livello in cui le applicazione possono scambiarsi dati, messaggi, navigare e quant'altro.
Tutti i dati sono avvolti con diversi livelli di crittografia.Sebbene molti sviluppatori abbiano preso parte alla community di Invisible IRC Project e Freenet, non vi sono differenze significative tra i loro progetti e concetti.
IIP è stato un server IRC anonimo centralizzato, Freenet è una rete peer-to-peer decentralizzata,creata per resistere alla censura.
Per saperne di più: Come Funziona I2P (Guida ed Installazione)


Ma le reti anonime non finiscono qui!
Oltre a TOR, ci sono anche Osiris ed Usenet!
Per approfondire: Come Funziona Osiris e Cos'è e Come Funziona Usenet.
Qui invece trovate: ZeroNet ed Hyperboria.
E i servizi segreti nonchè il governo americano che reti usano? Le Reti JWICS, SIPRNet e NIPRNet




Per saperne di più vi rimando anche agli articoli inerenti allo stesso argomento(trattati in passato):
Deep Web Cos'è?
Come Guadagnare Bitcoin Gratis(Guida Freebitcoin)
Grams: Motore Di Ricerca Per Il Deep Web
Come Navigare Nel Deep Web Con Freenet
Guida Deep Web 2013
Navigare Con TOR Browser
Navigare Nel Deep Web Con Una VPN
Nuovi Links Italiani Deep Web(2014)
Links Italiani Deep Web(2013)
Links Italiani Freenet(2014)
Accedere Al Deep Web Senza Software
Link Per Il Deep Web(Freenet e TOR)
Guadagnare Bitcoin(Guida per pagare sul Deep Web)
How To Access Deep Web

Nessun commento:

Posta un commento